Cerca

SPENDIND REVIEW: COME RISPARMIARE SUBITO CENTINAIA DI MILIONI DI EURO

Egregio Direttore, la contatto per avere il conforto di un suo parere e auspicabilmente un suo sostegno. Mai come in questo periodo, è attuale il tema di come risparmiare denaro pubblico e non aggiungo altro, ben sapendo a chi sto scrivendo. Certo è venuto il momento di alzare la voce ! Vengo subito al punto. Vorrei parlarle di TAV. Ed in particolare del Progetto preliminare che riguarda il tratto Brescia-Verona. Come lei sa, proprio in questi giorni il Governo ha battezzato l’inizio dei lavori della tratta Treviglio-Brescia e pertanto diventerà di attualità, tra non molto, affrontare questo tratto successivo. Son certo che lei sarà già a conoscenza della battaglia (purtroppo ancora troppo isolata) che un gruppo di persone di buona volontà, sta facendo per orientare il Governo ( il Commissario Bondi ? come spiccare in mezzo a 100.000 mail ?) verso una posizione più realistica e soprattutto molto meno dispendiosa, rispetto a questo nuovo tratto BS-VR. (Mi sembra corretto però e a questo punto, aprire una necessaria parentesi per motivarle almeno a che titolo, io mi senta in diritto di alzare una mano e chiedere il soccorso di una equa, ma soprattutto razionale ed economica valutazione. La nostra Azienda agricola è stata già espropriata per ben 2 volte dallo Stato: prima negli anni ’50 per la realizzazione della Autostrada A4, poi negli anni ’60 per la 2° corsia della stessa A4. Se l’attuale Progetto andrà in porto, subiremmo un altro esproprio per la terza e ahinoi definitiva volta. Saremo infatti costretti a chiudere dopo 60 anni di gloriosa e faticosa attività, poichè il tracciato attuale passerebbe infatti nel bel mezzo delle nostre stalle. Dopo aver già subìto tanti espropri, voglio sperare quindi che, almeno nel nostro caso - che è questione di vita o di morte - nessuno ci accusi di patire l’effetto NIMBY!). Come spero comprenderà, non è questo il punto ! Non si tratta di una mera questione soggettiva (ed anche ambientale) ! Ballano infatti CENTINAIA DI MILIONI di euro! L’attuale Progetto della linea TAV Brescia-Verona è infatti qualcosa di incredibilmente stupido e oltremodo dispendioso. Dopo Brescia (e la prevista fermata di Montichiari), il tracciato ipotizzato fa infatti una curiosa curva verso Nord e torna ad essere parallelo all’Autostrada A4. Con quali vantaggi ? Nessuno si pronuncia in merito e le scarse ragioni sin qui portate dalle FS sono semplicemente ridicole e troppo facilmente smontabili ! Non c’è logica che tenga! Il fatto è che per questa sua irrazionale svolta, il tracciato attraverserebbe l’arco delle colline moreniche e quindi necessariamente prevederebbe diversi KM di gallerie (circa 20) nonché svariate sovraelevazioni. Il Dr Enrico Bondi avrà un’idea di quanto costi un KM di TAV in galleria (rispetto ad un KM in piano)? Si parla di 20/25 volte in più! Naturalmente per difetto! Insomma i soliti preventivi all’italiana! Tra le azioni portate avanti dal gruppo di persone che ho già citato (guai a chiamarci Comitato No-Tav ! Quanto sincero pudore da parte di tutti! ) c’è stato il coinvolgimento di alcuni deputati (qualcuno della Lega si è dimostrato più sensibile). Ebbene il 29 Luglio del 2010, la IX Commissione Trasporti della Camera, ha approvato all’unanimità l’ipotesi di valutare un percorso alternativo, che prevederebbe invece un passaggio poche decine di KM più a Sud dell’Autostrada (in territorio mantovano). Per sua conoscenza le allego anche la documentazione in proposito. Da notare, cosa fondamentale e importantissima, che questo nuovo tracciato potrebbe essere realizzato TUTTO in superficie, senza i costi esorbitanti delle tante gallerie e delle sovraelevazioni (esiste già una proposta alternativa molto concreta). In questo modo sarebbe immediatamente garantito un risparmio certo di svariate centinaia di milioni di euro ! In realtà si risparmierebbero vieppiù milioni, data la grande diversità, in termini di valore di mercato, dei territori (tutti pianeggianti) che sarebbero attraversati (e quindi espropriati) con il nuovo tracciato. Valori di granlunga inferiori ai territori gardesani (molti dei quali occupati da pregiate produzioni vitivinicole). Giusto per non ricadere nel NIMBY effect, sorvolo volutamente sui macroscopici danni ambientali, turistici e produttivi, che tutto il Garda patirebbe. Ma c’è da chiedersi, a chi giova che vengano realizzate le tante Gallerie del Progetto attuale? Non sarebbe il caso di farci sopra una piccola inchiesta ? Sa bene quanto sia purtroppo valido il motto che “a pensar male si fa peccato….” (dunque mi vien da pensare che, come sempre in Italia, più grande è la torta, maggiori le possibilità di....) Nonostante i pronunciamenti (anche molto recenti e forse un po’ tardivi) di alcuni Enti locali e purtroppo di ancora troppo poca stampa (è del 7 Marzo scorso un articolo di Vittorio Messori sul Corsera/Brescia), una risposta dagli Organismi dello Stato più elevati, non è ancora arrivata (che fine ha fatto la risoluzione della IX Commissione Parlamentare?). Ne saranno al corrente il Prof.Monti e il Commissario Bondi ? Come accettare le tante misure di austerità richieste, quando palesemente si drenano denari pubblici attraverso Progetti che per la loro palese stupidità “gridano vendetta” e che sembrano fatti apposta per favorire ruberie e malaffare? Siamo ancora in tempo ! Mi scuso infinitamente per questa mia lettera,così prolissa,ma ho cercato di riportare una situazione a dir poco scandalosa. Spero trovi la pazienza ed il tempo di leggermi. Nel caso volesse contattarmi per avere maggiori informazioni, le ho indicato la mia mail. Sarei onorato di conoscerla e fare due chiacchiere con lei, ovunque lo richieda. Superfluo aggiungere che anche un suo supporto potrebbe essere decisivo. So bene quanto la sua autorevole voce potrebbe essere ascoltata dallo stesso Prof. Monti. Distinti saluti Franco C. Desenzano del Garda

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog