Cerca

Equità? Giustizia? Legalità? - un esempio

Buongiorno Direttore, voglio raccontarle la mia esperienza sulla “equità” del fisco e delle esattorie per testimoniare come sia facile perdere il filo ed arrivare a gesti estremi. Il mio caso potrebbe sembrare una piccolezza confrontandolo ad altri ma credo possa essere un classico esempio di come si è costretti a “vivere” e convivere con le assurdità burocratiche. Tutto inizia così : arriva una cartella esattoriale per un mancato pagamento del bollo auto..e fin qui tutto ok perché a causa di difficoltà economiche sono stato costretto a dover scegliere di non pagarlo per alcuni anni, consapevole che sarebbero prima o poi arrivate delle notifiche (ma si poneva la scelta di pagare o mangiare…). Pago regolarmente la cartella arrivata e poi, per avere un quadro aggiornato della situazione, mi reco in un’agenzia per verificare quanto ancora avrò d’arretrato…ed ecco la bomba : non dovrò pagare altri bolli auto perché la mia auto risulta in fermo amministrativo da alcuni anni (senza mai aver ricevuto nessuna notifica prevista per legge). Allora mi reco all’ufficio locale delle Agenzie delle entrate…dove mi confermano che esiste questo fermo e addirittura che è stata effettuata la notifica, ma non sanno darmi ulteriori informazioni e mi invitano a recarmi presso l’azienda incaricata come esattoria per avere ulteriori notizie e stampa delle cartelle mai recapitate. Bene, nei giorni successivi mi reco in esattoria : anche li confermano e mi fanno una copia sintetica delle cartelle incriminate…€ 1.200,00 di Iva non versata in anni precedenti. Carte in mano nei giorni successivi mi reco dal mio commercialista per avere chiaro il quadro : si tirano fuori i versamenti del periodo incriminato ed ecco la beffa madornale. I versamenti ai quali si fa riferimento sono stati effettuati, con circa 15 gg di ritardo, ma non vi era nulla da pagare in quanto versamenti compensati con l’iva a credito che avevo in quel periodo…quindi per aver presentato con pochi giorni di ritardo della dichiarazione iva a compensazione mi si chiede di pagare € 1.200,00 ed in più mi si blocca l’auto senza mai aver ricevuto nessuna notifica (né la prima cartella né la successiva prevista per legge nella quale si avvisa del fermo amministrativo). Si và allora con il commercialista alla sede provinciale dell’agenzia delle entrate per vedere cos’è possibile fare e per chiedere (dato che a loro risultano effettuate le notifiche) la visione delle firme di ricevuta : mi sento dire che bisogna pagare (al massimo si potrebbe rateizzare) e che bisogna attendere un bel po’ per visionare le firme (eventualmente bisognerebbe fare ricorso, attendere ed attendere per una sentenza e poi si vedrà); indipendentemente da ciò, una volta che si sarà regolarizzata la posizione bisognerà andare al PRA a far nuovamente registrare l’auto (quindi ulteriori spese a mio carico). Io ho bisogno dell’auto per lavorare e quindi continuo ad usarla anche adesso che so (ufficiosamente dato che non ho mai ricevuto notifica) del fermo amministrativo…come d’altronde ho fatto per tutto il tempo nel quale non ne ero a conoscenza; continuando a pagare un’assicurazione che in caso di incidente non mi coprirà ed incrociando quotidianamente le dita di non avere neanche il più piccolo tamponamento o di incappare in qualche posto di blocco delle forze dell’ordine. Ho già perso 5 giorni di lavoro (che nessuno mi rimborserà) per avere un primo quadro della situazione…dovrò sborsare una penale assurda per un ritardo di una dichiarazione a compensazione…dovrò sborsare soldi e perdere altri giorni di lavoro per farmi nuovamente registrare la mia auto dopo un fermo illegale…e fin quando non si sarà risolta la situazione dovrò vivere con il patema d’animo ogni giorno che andrò a lavorare o solo per portare mia moglie e la mia bimba a fare un giro… E’ questa “equità”? Non mi sorprende che tantissime persone,troppe, padri e madri di famiglia, lavoratori (perché i lavoratori sono tutti e non solo gli “operai” assistiti dai sindacati) cedono e cercano la soluzione estrema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog