Cerca

L'ITALIA E' REGALATA AGLI IMMIGRATI E A CHI LA INVADE

la Svizzera è divisa in vari cantoni e vi si parlano tre diverse lingue. Qual è la sua identità? Evidentemente, nonostante le differenze linguistiche, viene percepita una comune matrice culturale, che viene difesa e gelosamente custodita, anziché gettata alle ortiche. In Italia la lingua è una sola, ma la coesione è molto meno forte, ci si divide tra guelfi e ghibellini e forse è questo il motivo per cui della difesa di una qualche matrice culturale non ci importa né tanto né poco (diciamo pure un fico secco), con la ovvia conseguenza della rinuncia a qualsiasi tipo di identità. Per le leggi che si è data, l'Italia risulta essere una pura espressione geografica. Chi vi arriva può plasmarsela a suo uso e consumo e piantarvi la sua bandiera. E' diventata terra di conquista, conquista pacifica s'intende, ma non per questo meno efficace. E' vero anzi il contrario. A posteriori non si capisce per quale strano motivo si siano combattute due guerre mondiali, con centinaia di migliaia di vittime. Per difendere che cosa? Forse i patrii confini? Forse per espanderli? Certo: non si poteva allora prevedere che i confini sarebbero stati poi di fatto aboliti, ma è certo pure che, se dobbiamo essere governati da chiunque decida di stabilirsi in questa (bella, senza dubbio) area geografica, tutti quei soldati immolati sull’altare della patria sono morti invano. "Patria", poi, è un termine che a mio parere ha significato solo in relazione a delle leggi e a dei confini. Se quei confini sono aboliti, la patria è il mondo e le leggi sono quelle che vengono di volta in volta decise da coloro che transitano o si stabiliscono in questo angolo di mondo. A questo punto però non continuiamo a fare gli ipocriti. Si riconosca che l'Italia è una pura e semplice espressione geografica, cioè una terra che viene amministrata da tutti coloro che decidano di stabilirvisi. Il termine "patria" ha ancora un senso se ci si riferisce alla Svizzera, per l'Italia è un termine improprio. Con i più cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog