Cerca

Avanti i tecnici e fuori i politici

Egregio Direttore, se i partiti hanno messo il Paese nelle condizioni di essere "salvato" da un Governo di tecnici (che ha coinvolto altri tecnici ben noti ai cittadini) a cosa servono i politici del Parlamento romano? Se sono loro i responsabili dello sfascio dei conti pubblici, perchè non vanno a casa e aspettano le prossime elezioni? Così il Paese sarebbe governato dai tecnici fino alle elezioni politiche, con il supporto ( e supervisione) del Presidente della Repubblica, a garanzia dei provvedimenti assunti dal Governo Monti e della Costituzione Italiana. In questo modo, il Governo avrebbe le mani libere per prendere certe decisioni, e lo Stato risparmierebbe tanti soldi pubblici elargiti ai parlamentari, e ai loro surrogati. Perchè questo ragionamento? Perchè è troppo facile NON governare e NON decidere, ma incassare stipendi d'oro, e sfruttare i tanti (troppi) privilegi. Marino Bertolino

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog