Cerca

Quelle mamme che preferivano i figli violentáti e quelle inquietanti rassomiglianze col Processo Buc

Caro Direttore, “Il sonno della ragione ingenera mostri” (“El sueño de la razón produce monstruos”), ammonisce il famoso quadro (1797) del Goya (1746 – 1828), conservato a Madrid. I mostri non sono le maestre di Rignano; mostruoso è l'atteggiamento delle madri che, insultando e gridando contro il lavoro dei giudici, dimostrano di preferire che i loro figlioletti siano stati veramente violentáti anziché il contrario. Implicitamente, si conclude così che la vera violenza, secondo la verità giudiziaria (che non è la Verità, e che merita rispetto), è quella cui queste madri hanno sottoposto i proprio stessi figli. Sul "CorSera" di oggi (ieri, per chi legge) c'è una lunga recensione di Paolo Mieli a due paginate (pagg. 38 – 39) su un saggio storico di Marina Montesano intorno al tema della plurisecolare ed occidentalissima “Caccia alle Streghe” (Salerno Editore, 12, 50 €). Libro che dimostra che, lungi dal diminuire nella Modernità, tale fenomeno di suggestione collettiva fu inasprito persino da intellettuali come Samuel Sewall (1652 - 1730), giudice che condannò a morte tre "streghe" del processo di Salem (per il quale in sèguito avrebbe fatto mea-culpa) ed altresì autore del primo trattato teologico contro la schiavitù in America (il progresso umano, come si vede anche qui, non è mai lineare). Ma soprattutto, l'ex direttore del "Corriere", nel suo sunto del libro, menziona una storia citata dalla storica italiana che ci ricorda proprio quella dell'asilo nido di Rignano: nel 1983, a Los Angeles una madre, Judy Johnson (la quale in sèguito sarebbe morta per complicazioni d'alcolismo), denunziò un maestro elementare, Ray Buckey, per aver abusato sessualmente del suo bimbo. E ciò addirittura assieme ad altri maestri e collaboratori scolastici: proprio come nell'asilo vicino Roma. E proprio come nella scuola assolta ieri nella nostra Capitale, i genitori sottoposero ad interrogatori (a modo loro, evidentemente suggestivi), i figlioletti: l'inchiesta portò il procuratore ad ipotizzare 360 piccoli abusati (!). Secondo i racconti dei piccoli, sarebbero stati condotti in tunnel e cimiteri, ma la polizia, cerca-cerca, non li trovò: proprio come i fantomatici luoghi delle presunte orge pedofile di Rignano. Nel 1990, il presunto mostro fu assolto, sia pure da una giuria divisa. Il processo fu fra i più lunghi e costosi della storia USA. I mass-media hanno comunque seguitato a dar credito alla versione dei bimbi. Se è vero che spesso la realtà supera la fantasia, è altresì vero che, in casi come questi, certe storie sono troppo orribili per essere veramente compiute da esseri umani. Lele Jandon

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog