Cerca

rimborso carburante

salve direttore oggi ho scritto due righe su governo .it. le riporto ciò che ho scritto chiededendo di non fare vrifermento a nome. la ringrazio per l'attenzione saluti ,Oddo Massimiliano. Salve mi chiamo Oddo Massimiliano sono un cittadino italiano di 40 anni , sposato e padre di un figlio di quasi 5 anni. Lavoro nel settore della grande distribuzione dal 1998 dove ho ricoperto diverse mansioni. Ho un titolo di studio di perito tecnico industriale .Mia moglie è casalinga, per forza maggiore poichè nella mia zona lavoro c'è ne meno che da altre parti. Ad oggi mi ritrovo ad operare presso un'azienda che ha i suoi punti vendita nell' interland cagliaritano, con la mansione di salumiere. Ho un contratto a tempo determinato che mi scade il 30 di giugno. Io lavoro in un punto vendita che si trova a Quartu S.Elena . Ogni giorno percorro 130 km con la mia macchina tra andata e ritorno. Vorrei viaggiare con mezzi pubblici ma gli orari non me lo consentono perchè quando smonto non ce ne sono.Finisco verso le 21.30 e dunque arrivo a casa verso le 22.30. Ho una busta paga di circa 1500 euro inclusi gli assegni familiari che oggi è uno stipendio di tutto rispetto. Spendo ogni mese 280/ 300 euro di gasolio. Una volta tolte le spese del mutuo capite bene che dallo stipendio rimane ben poco. Noi non facciamo sacrifici per arrivare a fine mese perchè non bastano più facciamo i salti mortali!! Allora io mi chiedo dopo tutti i sacrifici già della giornata trascorsa fuori casa facendo rinunce a quello che è la quotidianità della vita familiare devi fare veramente miracoli per arrivare al prossimo stipendio e dire anche questo mese c'è l'abbiamo fatta. Io quest'anno per la prima volta in vita mia sarò costretto a pagare il bollo auto in ritardo perchè proprio non c'è la faccio e mi fa rabbia ciò. Adesso dopo il disastro dell'Emilia ci sarà un aumento del carburante proprio adesso che i prezzi stavano riabassando. Questo credo non sia una cosa equa per tutti perchè io che non posso usare mezzi pubblici mi vedrò nuovamente aumentare le spese per andare a lavorare.Altri che hanno la fortuna di avere il lavoro vicino casa non subiranno spese , altri ancora come magari un agente di commercio si possono detrarre tutto come spesa . Allora dico ma non siamo tutti cittadini dello stesso stato? Se dovesse allora capitare un altro disastro cosa si fa un altra accisa? Oggi ho deciso di scrivere perchè sono stato a chiedere l'esenzione sanitaria per mio figlio e fare la fila ad uno sportello di 3 quarti d'ora dove c'è una una sola persona e vedere due impiegate che chiaccherano di shopping e di cavoli loro anzichè LAVORARE e produrre veramente penso che farebbe rabbia chiunque. Non é giusto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog