Cerca

storia di ordinaria tristezza e impotenza

Egregio Direttore, siamo una famiglia di piccoli imprenditori, con un bar dentro un piccolo ospedale di Roma, circa un anno fa' ci siamo rivolti dopo varie fregature con vari broker etc..... e molti soldi spesi, agli sportelli di Fidimpresa Lazio in via Noale, abbiamo fatto una richiesta di un finanziamento per ristrutturare un bar , unica fonte di lavoro per 8 persone della stessa famiglia, portati i documenti richiesti ci hanno fatto iscrivere e pagare le quote associative, dopodiche' ci hanno deliberato ( documentato) tramite piu' email una somma pari a 90 mila euro con la quale avremmo ristrutturato il locale e pagato un po' di cose lavorative, visto che per un bar ospedale eclesiastico di 24 mq paghiamo mensilmente euro 6.000, con molti molti sacrifici...................e che rimandiamo anche la sostituzione di una attrezzatura importante, del dentista di un po' di tasse etc..... dopo 7 mesi di presa in giro, garantendo che la FIDIMPRESE GARANTIVA IL 75 % la banca BNL ( con la quale hanno un contratto di collaborazione ) doveva erogare il credito, e dopo avere chiesto a un ns. amico impiegato statale con un paio di appartamenti di proprieta' una ulteriore garanzia, ci hanno rifiutato la somma, senza spiegazioni in merito, buttandoci nello sconforto piu' totale, senza la ristrutturazione promessa all'ente proprietario, non ci rinnovano il contratto, e due famiglie si troveranno senza lavoro e senza soldi per vivere con due bambine piccole al seguito Questa e' oggi L'Italia, noi che non abbiamo il posto fisso ma che ci siamo esposti in prima persona non abbiamo piu' diritto a niente, no ai crediti bancari, loro pensano solo ai grandi miliardari potenti noi non siamo piu' la forza lavoro il pil italiano oramai siamo solo feccia, ma ci chiediamo : queste istituzioni vivono dei soldi delle iscrizioni di migliaia di piccoli imprenditori presi in giro come da un comunissimo cantastorie???? per salvarci, e si fa' per dire, ci dovremmo rivolgere a degli usurai?oppure ? lettera firmata Vestri Gabriele e consorte, Roma 1-06-2012

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog