Cerca

L'IMU, IL MINISTRO RICCIARDI ED IL FALSO IDEOLOGICO

Preg.mo Direttore Oggi il Sig. Ministro Ricciardi ha reso una intervista televisiva ( io ho captato il telegiornale su RAI 1 ) nell'ambito della quale assicurava che il Suo governo avrebbe avuto grande attenzione per le FAMIGLIE del nostro paese ed accusando i precedenti governi di indifferenza. Da tutti i politici abbiamo spesso udito dichiarazioni IDEOLOGICAMENTE FALSE. Da un Ministro Tecnico Cattolico e con il Suo Curriculum NO assolutamente NON E' ACCETTABILE: la propaganda da guerra fredda non è utile al paese ed è assolutamente deleteria quando si ricopre quella carica arricchita da un (ora falso) candido velo Cristiano. Faccio notare al Sig. Ministro ed ai lettori tutti che la casa, la prima casa, è un bene di primaria necessità per tutte le FAMIGLIE. I precedenti governi, chi più chi meno, hanno avuto grande attenzione e riguardo per la prima casa: con Prodi si è avuto un sconto sull'ICI prima casa con Berlusconi addirittura l'eliminazione. La recente introduzione della Imposta Municipale Unica, già ideologicamente falsa non essendo interamente Municipale, ha caratteristiche maledettamente penalizzanti per le famiglie. Un semplice esempio: A tradimento la nuova normativa IMU, a differenza della normativa ICI, non considera, nella determinazione dell'imposta, i gradi di parentela; neppure fra: Padri, Madri, Figli, Fratelli. Anzi considera questi emeriti ESTRANEI. Infatti un padre o una madre che ha in proprietà,uno ed uno solo appartamento abitato dal figlio, Cristianamente e Civilmente sposato con prole, è soggetto (in quanto non residente a causa del sovraffollamento) alla massima aliquota senza detrazioni; vale a dire (con riferimento alla aliquota base) circa 2,9 volte l'IMU per prima casa e da 4 a 5 volte con riferimento alla aliquota finale. Posso garantirLe, Sig. Direttore, che mentre con l'ICI di Prodi versavo 450 € con l'IMU di Ricciardi-Monti verserò da un minimo di 1400€ fino al molto più probabile 2100€ : cinque volte l'ICI di Prodi. Le parole del Ministro, confermate dall'atteggiamento del governo, fanno sospettare che si voglia buttare le famiglie più bisognose nella miseria per poi offrire loro Cristiana e pelosa beneficenza. Anche l'atteggiamento del Ministro Passera sembra ben intagliato sotto questa luce ( vedi beneficenza sulla certificazione dei crediti della P.A.) Consiglieri al Sig. Ministro di scusarsi con i Suoi predecessori. Consiglierei all'On. Berlusconi di respingere le scuse vista la recidiva del Ministro nei Suoi confronti. Al Sig. Ministro direi, di astenersi dal pensare alle famiglie Italiane, di dedicarsi maggiormente agli immigrati clandestini, di meditare sul fatto che le Sue dichiarazioni, quest'ultima in particolare, fanno rimpiangere l'On. Berlusconi, traendo da ciò coerenti determinazioni. Un cordiale saluto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog