Cerca

statale non esodato

Sono un lavoratore del Pubblico Impiego della famigerata classe 1952. Uno di quelli che, all’approssimarsi della pensione, sistematicamente si è visto allontanare la data di uscita varie volte ma, sul filo del traguardo, con SALVA ITALIA, infine: slittamento di ALTRI SEI ANNI. La vecchia normativa prevedeva la quota 96 (60+36 e 61+35) per il biennio 2011 e 2012, e riguardava congiuntamente le classi 1951 e 1952. L'art. 24, p.3 della Legge n° 201/2011, consente l'uscita dal lavoro con la precedente normativa solo ai lavoratori della classe 1951, ed esclude arbitrariamente quelli della classe 1952. Ma la norma non era biennale? La Legge n° 214 del 22.12.2011, (dove si può ammirare l’apoteosi dell’equità nell’art. 15 bis art. 24 ) fa pensare al "41-BIS," dove si sospende l'applicazione delle normali regole di trattamento dei detenuti previste dalla stessa legge. Gli statali del 1952, sfortunati tra gli sfortunati , REI di essere nati l’1/1/1952 e, non il 31/12/1951, dovranno aspettare 6 anni + sei mesi per l'spettativa di vita (?), per la pensione!! Un solo giorno di differenza, quanto pesa! Quanta equita’. Sembra, di fatto, che la situazione economica negativa di questa nazione, sia da imputare ai lavoratori privati e statali e, non alle classi dirigenti e politiche di questa nazione. Minoranza da punire, dopo aver pagato sempre le tasse, con i contratti bloccati, con le liquidazioni congelate, con le trattenute sulle malattie, siamo senza difensori, forse perche’ abbiamo giurato, (io davanti al prefetto di Milano nel 1980, firmando su tanto di carta da bollo, carta da bollo pagata con le mie tasche), “FEDELTA’’ allo Stato”. Mentre i privati non hanno dovuto firmare un cosi’ inutile giuramento? Quindi visto che le regole sono state cambiate unilateralmente, sono costretto a constatare che io non ho piu’ gli stessi obblighi verso questo stato. Le regole sono cambiate!! - L' Assenza totale di gradualità nella transizione a nuove regole. Nessuno in Europa ha pensato a quanto perpetrato dalla Fornero (infatti in Uk si raggiungerà il limite dei 67 anni nel 2026, in Spagna nel 2027, in Germania nel 2029, in Francia a soli 62 anni nel 2017, ecc..) Questa minoranza , chi la vuole difendere ??. Non abbiamo la fortuna /sfortuna degli esodati neanche siamo “privati” del 1952. Psicologicamente e fisicamente abbiamo le stesse aspettative e le stesse viscere di un lavoratore privato nato nel 1952 non vi pare? Non c’e’ stata abbastanza punizione? Di fatto si continua a leggere dappertutto, che a “quelli del 1952” e’ stato gettato un salvagente, (di piombo) NULLA DI PIU FALSO. Nel libro di George Orwell. La fattoria degli animali “ TUTTI SONO UGUALI MA, QUALCUNO E' PIU UGUALE DEGLI ALTRI. “Quella piccola Hitler della Fornero ha messo in croce migliaia di lavoratori , ma non ha toccato minimamente i suoi colleghi ,ladri e parassiti, politici. EQUITA’ e’ la parola d’ordine del governo tecnico, vi e’ una evidente contraddizione in termini, e’ un concetto matematico,anagrafico,e non può essere differenziato! Allora di COSCIENZA , proprio non ne vogliamo parlare. CIOTTI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog