Cerca

Lettera aperta ad un ipotetico Monsignore

Eccellenza Reverendissima, facendo tesoro dell'invito del Santo Padre a "non aver paura della verità e considerare i Santi come Agostino compagni di viaggio", pongo una tanto semplice, quanto difficile domanda: perché la "Chiesa" non risponde? Ho avuto occasione di scrivere, come semplice fedele, a Parroci, a Vescovi, a Cardinali e al Santo Padre ma difficilmente, molto difficilmente ho ricevuto risposta. E' evidente che l'insegnamento di Sant'Agostino "per voi Vescovo e con voi cristiano" (cfr. Sermone 340,1) viene spesso, quantomeno, "dimenticato". La segreteria di un Arcivescovo mi ha addirittura ritornato una e-mail (una mia riflessione-domanda sull'ambone) senza una parola. Eppure, sarà per "deformazione professionale" (come ex insegnante è inimmaginabile pensare di non rispondere ad un alunno), io credo, che per un "Padre" o una "Madre", dovrebbe essere una gioia e anche un dovere rispondere ai propri figli. Giovanni Paolo II così scriveva a Vittorio Messori: "Lei mi ha posto dei quesiti, dunque ha in qualche modo diritto ad avere delle risposte". Io credo che sia umano attendersi da tutti una simile risposta. Non è bello essere ignorati. George Bernard Shaw, mi perdoni, affermò che: "Il peggior peccato verso i nostri simili non è odiarli, ma essere indifferenti". E Sant'Ambrogio, nei Discorsi e lettere, II/III, Lettera 74,2, scrisse: "In un vescovo non c'è nulla di così rischioso davanti a Dio e di così vergognoso davanti agli uomini quanto il non proclamare apertamente il proprio pensiero". Mortificato, molto mortificato, devotamente saluto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog