Cerca

ALLA FACCIA DEI TERREMOTATI, AL COMUNE DI PALERMO SI USANO I FONDI PER PAGARE STIPENDI CON I SOLDI D

Egr. Direttore volevo segnalare e la prego di attenzionare e seguire la vicenda, come al Comune di Palermo domani 26-06-2012 (pare) si consumerà (forse) l’ennesimo scippo ai danni dei terremotati dell‘Emilia Romagna e dell’Italia intera come già scippata dal precedente Governo Berlusconi e Ministri Siciliani collegati che per effetto delle pressioni e a volte anche delle minacce di una gran parte dei 1800 pseudo lavoratori ( per chi li conosce) ma lavoratori( per chi li sponsorizza a Roma tra i ministri ) porterà gli amministratori comunali a pressare il Ministro Passera e Cancellieri e a seguire il presidente del consiglio Monti a prorogare ancora una volta l’ordinanza di Protezione Civile che ha già erogato al Comune di Palermo per la vicenda della GESIP società comunale in fallimento da anni (e con ben note vicende giudiziarie sul groppone) di circa 1800 persone per la maggior parte EX DETENUTI ulteriori fondi in Milioni di euro per PAGARE STIPENDI e per dare a chi non lavora e non lo farà mai (tranne per alcuni sparuti ) e dopo l’out - out che il Governo Monti ha imposto dopo anni finalmente al 30 di giugno 2012 per chiudere la società controllata dal comune ( ma sembrerebbe come sempre non rispettare tanto paga pantalone) dopo avere erogato ulteriori 10.000.000 di euro a fondo perduto fondi della Protezione Civile Nazionale perché nulla o quasi si è fatto da nessuna amministrazione dall’ ex Orlando che li ha creati a Sindaco Cammarata al commissario straordinario e adesso nuovamente Orlando dopo 10 lunghi anni per tagliare il personale che oggi assorbe una buona percentuale della spesa del comune. Ma si sa la Sicilia è questa, basta minacciare di dar fuoco alla città ( come se gli organi istituzionali che dovrebbero vigilare non ci fossero ) e TUTTO SI OTTIENE. 20.000.000 persone che il Presidente Lombardo vuole assumere senza concorso nella pubblica amministrazione e i 2.000 della GESIP che il Sindaco Orlando vuole salvare a qualsiasi costo anche lasciando i terremotati dell’Emilia e non solo ( CHE NON SANNO NULLA) a bocca asciutta e in mezzo ai guai perché come è noto lo Stato Italiano a altro a cui pensare al momento, e in più, i più di 3.000 operatori ecologici dell’AMIA anche questi per la maggior parte EX DETENUTI del comune di Palermo anch’essa azienda in fallimento con i rifiuti che per strada ( ma solo per chi li vede) proliferano e si ammassano ma non vengono tolti e tutte le MIGLIAIA di persone delle aziende collegate del comune e non solo che hanno i finanziamenti in scadenza . Ma chi salverà Palermo e la Sicilia dal clientelismo e chi prenderà decisioni impopolari per non permettere a chi non vuole fare nulla di continuare a non fare nulla????Come disse il giudice Caponnetto quì muore anche la speranza di cambiare. Vedremo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog