Cerca

LEGGETE CORTESEMENTE IL MIO SCRITTO

Secondo uno studio pubblicato in Italia anche sul corriere si apprende che per il 40% degli studenti tedeschi non vi è differenza tra democrazia e dittatura. Dio che gioia! Finalmente qualcuno se n’è accorto, è inutile prenderci in giro, oggi la democrazia serve sono a marmaglia di inetti a spartirsi i frutti di uno stato, e più questo è in crisi più aumentano “guaritori” e medici della democrazia pronti a fagocitare le poche risorse in campo. Come non può tornare alla mente Hobbes, uno dei più grandi geni della storia e qui propongo la sua domanda, in modo direi rivisitato, qual è la ricchezza di un monarca? E qual è la ricchezza di un funzionario dello stato? Partiamo dal primo, un re è tanto più potente e ricco tanto più la propria nazione lo è, con il fatto che lui è il padrone il fruttare delle proprie attività è una forte spinta all’efficienza. Ora occupiamoci dei fantomatici “servi dello stato” burocrati insoddisfatti e depressi che cercano sollievo alla loro banale esistenza con interviste inutili e comportamenti ignobili. La ricchezza di questi funzionari sta nel loro conto corrente e in quanto riescono a portare via dai pubblici uffici, partendo dalla cancelleria arrivando a cariche che solo il nome rende odiose. Si è scelto per una democrazia ottimo, ma tra i vari referendum inutili quali acqua, caccia e stronzate varie non si potrebbe chiedere ai cittadini cosa ne pensano di questa forma di governo che non ha fatto altro che distruggerci con tasse inutili mettendo personale non qualificato e svogliato in posizioni strategiche. La vera domanda è ITALIANI, VOLETE CONTINUARE AD ESSERE GOVERNATI DA PERSONE CHE VANNO DA D’ALEMA A TABACCI, DA BOSSI A VERDINI? E molto democraticamente vedremo cosa uscirà dalle urne. Un ricordo, nelle sale del Parlamento, alle spalle dei presidenti è inciso il discorso fatto all’apertura del parlamento italiano, leggetelo… Ahhh la firma è di sua maestà Vittorio Emanuele ii per grazia di Dio re d’Italia Cipro e Gerusalemme

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog