Cerca

Qualunquista

Vediamo se ricordo. Anni fa, mi pare di aver letto su un qualche libricino di economia che se si vuole creare sviluppo bisogna, tra le altre cose, sostenere la domanda interna di beni e servizi. Credo di aver capito poco di quanto lessi, ma pur nella nebbia mentale di chi, come me, non è un professore della Bocconi, appare nitida una domanda: come si può creare sviluppo abbassando sempre più i redditi dei cittadini? E ancora: come si può chiamare decreto sviluppo quello licenziato alcuni giorni fa, in cui si chiede agli imprenditori di farsi anticipare dalle banche, poiché di questo si tratta, i crediti che essi vantano verso la Pubblica Amministrazione? E per tornare ad antiche letture: quando, finalmente per noi, si andrà ad elezioni? La tireranno alla lunga sino ad entrare, finalmente per loro, nel semestre bianco? Certamente. Tutto quello che è accaduto e sta accadendo con la formazione del governo dei Professori non mi pare una interpretazione ortodossa dello spirito della nostra Costituzione. Scusate se è poco. Sono felicemente qualunquista. Ma se devo affogarmi, in nome di Angela Merkel e dell’Europa delle Banche, fatemi almeno scegliere lo stagno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog