Cerca

manifestazione di Solidarietà a Gheri Guido per la riapertura di radiostudio54

Ieri sera 12 luglio 2012 a Firenze in piazza Strozzi si è tenuta una manifestazione contro la chiusura preventiva di radiostudio54, è stata una manifestazione importantissima per l’affermazione del diritto di informare ognuno col proprio stile, spesso soprassedendo sul politicaly correct, che per la verità non è molto nella nostra storia e descrivere i fatti nudi e crudi come sono; stop a dare importanza solo alle immagini cruente di guerre che si svolgono lontane da noi, ci sono immagini cruente quotidiane che si svolgono accanto a noi e che Gheri Guido e i suoi collaboratori ci fanno vivere con il loro modo di diffondere i messaggi. Lo scopo era di presentare l'attività della radio e di Gheri Guido, quella non riguardante la musica,grazie quindi a Guido Gheri e al senatore Achille Totaro per questa serata, una lezione di lotta e per la libertà e per la dignità. Grazie a tutti coloro che hanno portato la testimonianza in piazza, mettendo la faccia e il cuore per difendere la comunità a cui hanno dato vita: Guido Gheri il patron della radio nonché leader del movimento “voce al popolo”, Pieluigi Pozzi de La destra di Storace, che si è impegnato a far capire come funziona la gestione di acqua potabile da parte di Publiacqua, il dott. Boncompagni con la sua battaglia per i defibrillatori ovunque, l'avvocato Mobilio che spiega il diritto per il lavoro, Giovanni Donzelli consigliere regionale impegnato nella lotta a denunce che cadono nel dimenticatoio, Francesco Torselli consigliere comunale di Firenze che ci illustra le spese dell’amministrazione del sindaco Rottamatore, Guido Sensi che ci illustra le spese con la carta di credito del presidente della provincia di Firenze Matteo Renzi, oggi sindaco Rottamatore (si possono trovare anche sul suo sito www.sensiguido.com), l'avvocato Mossuto che spiega il diritto di famiglia, poi un’ innumerevole quantità di collaboratori italiani e non, come il Corsi, il comitato di sostegno a radiostudio54 tra cui Cipriani e Buzzegoli di radio radicale, la mia cara amica Magda e a tutti gli altri. Ieri sera ci siamo resi conto che radiostudio54 è andata oltre la semplice trasmissione, siamo una comunità eterogenea, rappresentativa della società, che si rispetta e che dietro l'esempio di Guido, si aiuta nei momenti del bisogno, una comunità di valori semplici e schietti, uno stile tutto nazional-popolare che si batte per sopravvivere ai carri armati della globalizzazione! Mi piace questa comunità!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog