Cerca

Ma dove siamo?!?

Egr. direttore, due righe per capire in che paese siamo. Tutto inizia con mio figlio che cerca un mutuo per la prima casa. Lavoratore a t. indeterminato, sia lui che la sua ragazza. Trovata la casa... arrivano i problemi: dare o non dare il mutuo? Troppo giovani (25 e 22)? Forse si, forse no. Burocrazia a gogò, depressione, corse su corse... e nessuna certezza. Ma dove siamo? Dicono che i giovani sono bamboccioni, ma il governo non dà nessuna possibilità. Le banche si lamentano che prima erogavano i mutui a chiunque, ora hanno preso la decisione di fermarsi. Ma... Se io nel mio lavoro sbaglio, me ne assumo le conseguenze, quello che dovrebbero fare tutti coloro che usano il 'rigore' (comincio ad odiare questa parola), banche e company. Chi sbaglia paga, ma evidentemente in questo paese 'civilizzato', a pagare siamo sempre noi, poveri comuni mortali....

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog