Cerca

La soluzione finale per lo spread

Occorrono circa 500 miliardi di euro tra Italia e Spagna nei prossimi tre anni, secondo i calcoli di Bridgewater, per rifinanziare senza problemi il debito pubblico e per l'Italia almeno 300 miliardi di euro. Ma questo solo per stabilizzare la situazione, diciamo che ridurrebbe lo spread ma qui bisogna ammazzarlo il maledetto (ridurlo quasi a zero) Se quardi l'Inghilterra ha comprato titoli di stato per circa 530 miliardi di euro per schiacciare in basso il costo dei suoi titoli di stato all'1.6%. Gli inglesi il serpente dello "Spread" lo hanno schiacciato sotto i piedi, lo spread l'hanno ammazzato. Questo nonostante il debito totale di banche, imprese, famiglie e stato inglese sia il 510% del PIL mentre in Italia il debito totale è il 314% del PIL Considerando che il debito pubblico italiano è maggiore di quello inglese di circa 400 miliardi (2000 mld noi e 1600 mld loro), che rifinanziare non basta se vuoi veramente schiacciare il maledetto "spread" da 500 punti base a 100 punti base e far scendere il costo dei BTP dal 6% al 2%... ...probabilmente l'Italia avrebbe bisogno di un Quantitative Easing di stile inglese da 800 miliardi di euro su tre anni. Se dividi 800 miliardi per 36 mesi sono circa 20 miliardi di euro al mese per tre anni La soluzione di tutta la crisi finanziaria per l'Italia consiste nell'avere la Banca d'Italia che annuncia che ogni mese, da qui al 2015, comprerà regolarmente 20 miliardi di BTP, ogni mese 20 miliardi. Se lo annuncia lo "Spread" si riduce dal 5% all'1%. E puoi ridurre le tasse Dato che la Banca d'Italia possiede nel suo bilancio una "licenza di emettere" moneta dal valore infinito può farlo (con che soldi ? quelli che la Banca d'Italia o la BCE possono creare con la loro licenza di emettere moneta)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog