Cerca

PRONTO SOCCORSO DELL'OSPEDALE SAN CAMILLO

Spett.le Direttore, vorrei portare alla sua attenzione e a quella dei lettori di Libero una esperienza personale e le relative considerazioni. Due giorni fa mio padre (79 anni) si è sentito male e il medico gli ha prescritto il ricovero: sono 2 giorni che si trova al Pronto Soccorso dell'Ospedale San Camillo di ROMA in attesa che si liberi un letto al reparto. Oltre alle più che legittime considerazioni (negative) sul ns. Servizio Sanitario, in particolare su quello della Regione Lazio dove moltissimi sono i ricoveri di persone provenienti da altre Regioni e dall'estero, mi chiedo: MA PANNELLA, INVECE DI OCCUPARSI SOLO DELLE CARCERI, NON POTREBBE IMPEGNARSI (E FARE UNO SCIOPERO DELLA FAME) PER MIGLIORARE LE PRESTAZIONI E LA FUNZIONALITA' DEGLI OSPEDALI? Non sarebbe un pochino più serio?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog