Cerca

il topolino Amato e l'euro-formaggio

Caro Direttore, vorrei poter fare qualche analisi per capire se l'aumento, se non la causa stessa, dei privilegi della nostra intoccabile casta sia dovuto in buona misura alla nostra entrata nell'euro. Quando " topolino " Amato prelevò nottetempo con un blitz degno di Diabolik una parte dei depositi degli italiani lo fece senza dubbio per poter avere le carte in regola ad entrare nell'euro. La mossa denuncizva inequivocabilmente che il Belpaese non ce la faceva proprio più ad indebitarsi con le vecchie lire e.. cadde la manna dal cielo, ora l'italia era più credibile. Accadde tuttavia che al tavolo delle trattative nessuno dei nostri grandi politici propose una specie di trattato di compensazione che sarebbe stato ampiamente giustificato dal fatto che da quel momento in poi le nostre esportazioni verso il resto d'Europa aderente all'euro sarebbero state penalizzate. Inoltre non avremmo più potuto ricorrere a svalutazioni periodiche per aggiustare la competitività strada facendo, esempio settore automobilistico, chimico, meccanico ed in generale molti altri. Perchè il problema non fu sollevato ? Non certo perchè qualcuno non lo avesse previsto ma, a pensar male, questa " dimenticanza " permetteva di continuare ad aumentare il debito pubblico, a fare debiti insomma, e quel qualcuno sapeva benissimo che questi debiti sarebbero stati assorbiti, conglobati, mescolati o inglobati da sprechi e privilegi della nuova aristocrazia. Per farla breve penso che l'euro abbia avvantaggiato una sola classe, e abbiamo sotto gli occhi tutti quale, classe che assorbiva ed assorbe 100 miliardi l'anno scaricando il relativo debito sulle spalle di tutta la nazione chiamata peraltro a fare continui sacrifici in modo che i prelievi indebiti proseguano imperterriti. Questa " catena di sant'Antonio deve finire ! Monti deve fare leggi ad hoc e non solo ritocchi e ritocchini e se la casta sio oppone la mandi a quel paese e si vada ad elezioni con proposte concrete, sempre di Monti si capisce ed i partiti per come sono messi ora è garantito che spariranno dalla scena politica italiana. Umberto Brusco Bardolino

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog