Cerca

La mia opinione su questa ansia di “rottamare”

Io penso che quest’ansia di rottamare noi 60enni sia dovuta al fatto che costituiamo una memoria storica della qualità della vita che avevamo prima della globalizzazione: quando le città erano per i residenti ed i turisti erano accolti, ma ospiti, magari si provava a vender loro la fontana di Trevi, ma anche quello è parte della nostra storia, quando non c’erano divieti e pedonalizzazioni di sorta che ci impedissero di accedere a qualsiasi punto della città, quando alla sera potevamo uscire con il nostro mezzo e parcheggiare ovunque volessimo andare, io per esempio andavo a giocare a bridge con la mia macchina e trovavo sempre parcheggio intorno ai circoli, adesso tutto è scomparso per il problema dei parcheggi. Io 60enne mi ricordo di avere avuto sotto casa l’elettricista, il calzolaio, la sarta e sempre da 60enne mi ricordo come si fanno le lotte per migliorare la qualità della vita, mi ricordo che per i reati o la mala amministrazione ci indignavamo, oggi mi sembra che la lotta politica sia non solo soffocata sul nascere, ma che siano in pochi a volerla fare, specie tra i giovani, vedo che pensano sia meglio buttare fuori noi per prendere il nostro posto! Io mi domando se questo è un modo per definirsi “democratici”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog