Cerca

Berlusconi candidato è la scelta più razionale

Non capisco tutta questa agitazione tra le file del PDL per la ricandidatura di Berlusconi. Le prossime elezioni, in ogni caso, le vincerà il PD. E' questo è un dato di fatto incontrovertibile; Monti ha già fatto troppi guai: ha danneggiato le categorie che tipicamente votano per il centrodestra con interventi tipici del centrosinistra e con il sostegno del PDL. Roba da fare incavolare anche il più berlusconiano degli elettori. Pensare di recuperare il distacco che attualmente c'è con il PD è, a dir poco, ingenuo. Per questo è meglio che lo sfidante del PDL sia il Cavaliere. Per due motivi: 1. costringere il PD ad allearsi con i vari Vendola, Di Pietro, Radicali, Socialisti, ex Comunisti, post Comunisti ecc. ecc. (perché è chiaro a chi sa bene osservare che Bersani se la fa sotto al solo sentire nominare Berlusconi come eventuale sfidante); 2. non bruciare nessun altro candidato (in primis Alfano) con una pesante sconfitta. Alla fine il PD vincerà ma, ahimè, non governerà. Comunque non più di un paio di annetti (tempo in ogni caso più che sufficiente per fare un mare di danni al Paese). Dopo, il PDL vincerà facile con un altro candidato premier. E se poi, contrariamente ad ogni previsione, Berlusconi dovesse vincere? Be', allora la sua candidatura è stata proprio la mossa migliore!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog