Cerca

esodati d'Italia

Egregio direttore , le sarei grato se queste righe , dirette al Presidente Napolitano fossero pubblicate . Ill.mo Presidente Napolitano , questa sera , Lei presenzierà l’inaugurazione delle Olimpiadi di Londra 2012 e canterà sicuramente l’inno di Mameli Fratelli d’Italia . Chi le scrive purtroppo non lo farà , non perché stonato , solo per coerenza . Appartengo ormai ad un’altra famiglia che Lei ed il Governo da Lei voluto avete creato. Appartengo agli esodati d’Italia , quegli esodati che decreto dopo decreto sono rimasti senza diritti , siamo coloro i quali state costringendo ad una guerra trà poveri . Come in ogni buona famiglia , al nostro interno ci sono i più o i meno fortunati e guarda caso io appartengo ai meno fortunati ( come me altri 115 ). Siamo gli esodati di Poste Italiane che pur avendo firmato un accordo nell’anno 2011 , (prima che la prof.ssa Fornero decidesse di usare il danaro di un’azienda attiva per sanare I flagelli provocati dai nostri politici ) sono usciti per scelta aziendale in data 31/03/2012 . Meno fortunati poiché siamo gli unici esodati appartenenti ad una ex azienda di Stato , confluiti nel calderone INPS dal 2010 , quindi non abbiamo alcun ammortizzatore sociale . Non godiamo di cassa integrazione , non abbiamo la mobilità , non abbiamo un fondo di solidarietà , abbiamo solo un pezzo di carta firmato e ratificato dalle sedi competenti del Ministero del Lavoro prima dell’avvento della prof.ssa Fornero . Da mesi abbiamo investito la Camera di deputati , il Senato della repubblica , Poste Italiane S.p.A, ebbene alla soglia della votazione in Senato , contattati telefonicamente i Senatori non sapevano nulla della nostra situazione . Giustizia , equità , queste sono le Sue parole pronunciate in vari interventi , l’ho addirittura vista piangere parlando dello Stato di Diritto . Le chiedo può essere definito Diritto anche la violazione della Costituzione ? Non è una violazione della Costituzione la Legge Fornero sulla previdenza da Lei firmata ?. Io come altri gli altri 115 rimarremo ora per due anni e mezzo ,senza stipendio , senza pensione Senza ammortizzatori ma con 1400,00 euro mensili da pagare per 30 mesi di contributi e non li abbiamo . Ormai l’unica frase che riconosciamo nell’Inno di Mameli è "siam pronti alla morte". Presidente intervenga e ponga fine a questa ingiustizia affinché anche gli esodati d’Italia e i loro figli possano ritornare a cantare fratelli d’Italia . Poli Gianfranco

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog