Cerca

porcellum ?

Ogni tre giorni non c’è uomo politico che non torni sulla legge elettorale. Il porcellum è incostituzionale, lo affermano molti ex presidenti della Corte, lo pensano sette giudici su otto della stessa corte, in occasione dell’ammissibilità del referendum sulla stessa legge fu respinto. Sette giudici su otto avrebbero voluto affrontare il problema dell’incostutizionalità motu proprio eppure nel 2005 anno del varo del Porcellum, ricordiamolo, per Forza Italia, Alleanza Nazionale ed Udc la legge era perfetta e tutti la votarono. Poca resistenza fu fatta dalle opposizioni. Arrivò Prodi, la poteva cambiare, aveva i numeri, non lo fece. Per tutti i soggetti politici la legge anche con qualche falla era ‘’giuridicamente ineccepibile’’. Cosa è cambiato allora negli ultimi sette mesi ? Dopo due elezioni fatte con il porcellum si sono resi conto che il popolo non vuole questa legge, ma i partiti temono che cambiandola perderanno il loro potere assoluto sui ‘’nominati’’. Ed allora è cominciato il balletto, si cambiamola ma in modo meno doloroso possibile per i partiti, in modo che gli stessi perdano meno potere possibile. Ed ecco l’immobilismo, si sono dimenticati che la legge oggi dopo sette anni di porcellum e vista la situazione dei nostri politici commissariati, incapaci quindi di controllare la situazione, dovrebbe essere studiata essenzialmente in funzione di poter ‘’scovare’’ nuovi politici. C’è una sola strada : collegi uninominali con basso numero di firme per presentare le candidature in modo da facilitare l’accesso alla candidatura a chi ha capacità politiche, visto che per sette anni i partiti si erano blindati venendo meno alla funzione prevista dalla costituzione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog