Cerca

O si fa l'Europa o si muore !

Meglio allargare i confini per avere più spazi per muoversi, meglio confrontarsi con altre culture per arricchire il proprio bagaglio intellettuale, meglio stare uniti per smobilitare la belligeranza altrui in modo da usufruire di un principio di deterrenza. Nessun Paese europeo dovrebbe considerarsi una Nazione, ma uno Stato indipendente all' interno della Nazione Europea, su modello di quello americano. «Ma qui, c’è di fare l’Europa o si muore». Necessita rivedere il ruolo della Banca Centrale Europea, in modo da invalidare il signoraggio bancario, dando come giusto che sia, la sovranità del denaro al popolo. Per sfuggire al ricatto dei mercati è essenziale congelare o meglio cancellare con un colpo di spugna parte del debito pubblico a quei creditori che ci hanno rigirato per anni, che continuano a rigirarci, che ci strozzano e ci trascineranno con questo ingannevole impianto economico mondiale al fallimento o addirittura alla guerra. Ma per fare grandi scelte occorrono grandi politici, lungimiranti e coraggiosi che attualmente non abbiamo. Oggi si insegue il risanamento del debito pubblico ( che non avverrà mai) ai danni del popolo, a vantaggio di quella massoneria che muove i fili del mondo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog