Cerca

Il panificio di Altopascio

Il mio nonno è nato nel 1924 vicino a Pisa. Ha cambiato lavoro tante volte ma per la maggior parte della sua vita ha lavorato in un pastificio ed un panificio ad Altopascio, non lontano da Firenze. Quella città è conosciuta per il pane, ed il mio nonno era uno che il pane lo sapeva fare. Mi racconta sempre che a quei tempi, quando lui aveva 15 anni, e per i 10 anni successivi, non era come oggi. In tempo di guerra di cibo spesso ce n'era poco o niente per una larga parte di quel piccolo paesino. Allora tutti i panifici del posto facevano una cosa, secondo me una delle più democratiche del mondo: il 10% della produzione di ogni giorno la regalavano, presto la mattina di fronte al forno, a chi ne aveva bisogno. E mio nonno ancora oggi mi racconta che nel panificio c'erano più lavori: c'era chi portava i sacchi di grano, chi preparava l'impasto, chi metteva il pane in forma, chi infornava e controllava la cottura. Il mio nonno infornava. Parliamo di 200, a volte 300 pani il giorno. Solo lui, poi ovviamente c'erano anche altri a lavorare. Stamani l'ho chiamato e gli ho ricordato quella storia. Lui mi detto che a fare bene i conti dal 1939 al 1949, al ritmo che andava, avrà infornato si e no un milione di pani. E il dieci percento venivano dati a chi aveva fame. Poi dopo che abbiamo chiaccherato al telefono lui mi ha chiesto il perchè della mia telefonata ma io me lo ero dimenticato. Non so cosa avevo letto sul giornale di una critica di "mancanza di democrazia" fatta dalla Germania. Non ho buona memoria purtroppo ma ci sto ancora pensando a cosa abbia fatto scattare in me la curiosità di sapere quanti pezzi di pane aveva infornato il mio nonno dal 39 al 49. Forse aveva a che fare con quelle dichiarazioni rilasciate da esponenti del governo tedesco sulla "democrazia". Chissà. A proposito: ma loro che vogliono darci lezioni di democrazia, laggiù dalla Germania, mentre il mio nonno infornava il pane per sfamare la gente, che facevano ?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog