Cerca

Una profezia avverata.

Gentilissimo Direttore, resto basito dal comportamento tenuto dalla terza carica dello Stato, anche se in fondo ci stiamo facendo il callo a questi comportamenti tipici di chi "predica bene e razzola male". Anche il Capo dello Stato continua a rivolgersi ai cittadini invitandoli, con voce dimessa e quasi rotta dalle lacrime a fare sacrifici omettendo, ad arte, di precisare che gli appelli ormai sistematici non sono rivolti a loro ma ad una precisa fetta di cittadini, molti dei quali sulla soglia della povertà. Perchè loro continuano a vivere nel lusso, nell'agiatezza e a non privarsi di nulla. Se poi, a tutto questo, si aggiunge lo squallore del comportamento tenuto da Fini e le parole offensive, ma tipiche del repertorio, di uno che quando parla farebbe bene a stare zitto quale Bocchino, allora il fondo del barile l'abbiamo raschiato ma ancor più dobbiamo veramente convincerci che questa gente occupa impropriamente un posto lautamente pagato non per il bene nostro e dell'amata Patria ma per quel meschino tornaconto che si nasconde dietro parole quali: potere, denaro, protervia, bugia e tanto altro. Aveva ragione la Fallaci nel suo libro "La forza della ragione" quando definiva Fini......"Un maestro nel tenere il piede in due staffe. Dirige un partito che si definisce di Destra e gioca a tennis con la Sinistra. Fa il vice di Berlusconi e non sogna altro che detronizzarlo, mandarlo in pensione. Va a Gerusalemme, con la kippah in testa, piange lacrime di coccodrillo allo Yad Vashem, e poi fornica nel modo più sgomentevole coi figli di Allah. Vuole dargli il voto, dichiara che “lo meritano perché pagano le tasse e vogliono integrarsi anzi si stanno integrando.....Ma erravo. Quel colpo di scena non era una reminiscenza sentimentale, un caso di mussolinismo. Era un caso di togliattismo cioè di cinismo, di opportunismo, di gelido calcolo per procurarsi l’elettorato di cui ha bisogno per competere con la Sinistra e guidare in prima persona l’equivoco oggi chiamato Destra." Questo è colui che auspico fra pochi mesi venga abbandonato dagli elettori insieme al manipolo di personaggi che lo circondano e continuano a difenderlo credendo ancora in chi ha rinnegato il suo passato (aveva visto lontano la vedova Almirante) ed oggi vaga nell'affannosa ricerca di un'allenza di sinistra confermando quanto di vero ha scritto Oriana Fallaci. Cordialmente, VinFer.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog