Cerca

CONTRADDIZIONI A TARANTO

Ho trascorso un periodo di vacanza in provincia di Taranto. Ho potuto constatare una duplice fenomenologia difficilmente comprensibile agli occhi di un esterno. Da un lato gente semplice, dignitosa, coraggiosa che vive e manifesta con compostezza la spinosa vicenda dell’Ilva. Gente che si sente al centro di un complicato intreccio tra il diritto al lavoro e quello alla salute la cui soluzione non è a costo zero in termini di rinunce personali. Dall’altro, una moltitudine di impertinenti che si fanno beffa del codice della strada guidando nel completo sprezzo delle regole, commettendo impunitamente continue infrazioni. Decine di motociclisti di ogni età che non usano il casco, col tipico atteggiamento di chi si fa beffa dell’ordine costituito e dell’ossatura di regole che garantisce a tutti la civile convivenza. Se vuole essere credibile in Italia e in Europa, Taranto deve sbarazzarsi rapidamente di questa terribile involuzione nei comportamenti a partire dal rispetto del codice della strada.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog