Cerca

dove fanno la spesa i veri poveri

Sig.Direttore, ancora oggi i politici discutono su prossime elezioni, su possibili "associazioni di partiti", pur di non lasciare il prezioso posto caldo di 50 anni(come già detto e risaputo), senza preoccuparsi e senza vedere cosa ci offre la strada ogni giorno. Vorrei saper se i nostri politici, nonché governanti, vedano che i negozi situati nei cassonetti della spazzatura sono sempre più affollati. Se qualche volta tutti i politicanti passeggiassero per le vie, non soltanto per farsi fotografare o fare shopping di lusso, avrebbero un quadro non certo edificante dell'Italia così come l'hanno ridotta. Il divario tra posizioni sociali è ormai sempre più accentuato e difficile sarà trovare un recupero.Neppue il minisro Fornero, mente eccelsa in materia di lavoro e matematica, riuscirà a far tornare i conti dei poveri sempre più numerosi. A Torino i cassonetti sono frequentati sin dal primo mattino, quando certo la merce è più "fresca", da pensionati e nuovi poveri, alla ricerca di ciò che a noi non serve più.Senza pubblicità, senza trovare ricarichi dovuti agli aumenti dei carburanti e spesso senza code alla cassa. Insomma,alla fine, i poveri sono proprio fortunati. Chi non crede, alzi gli occhi da terra e si guardi intorno...anche questa è oggi l'Italia. La vergogna del benessere...di pochi. grazie per l'attenzione

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog