Cerca

postepay? no grazie.

Egregio Direttore, Approfitto dello spazio a disposizione per mettere in guardia i lettori, a seguito di un’esperienza in famiglia, dal rischio dell’uso della Carta prepagata Postepay emessa da Poste Italiane. La suddetta Carta intestata a mia moglie, nonostante l’osservanza di tutte le precauzioni del caso, è stata clonata addebitandovi fraudolentemente in una sola giornata e a favore dell’esercente Match Point, a noi assolutamente sconosciuto, l’importo di € 2.650,00. Presentata regolare denuncia, il solerte direttore dell’ufficio postale ci ha risposto che la pratica prevederà tempi molto lunghi, e comunque molto difficilmente saremo rimborsati. Ora mi chiedo, ma lo Stato che ci sta obbligando a passare dall’uso del contante ad altri strumenti di pagamento tracciabili, in questi casi, dov’è? Grazie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog