Cerca

tassista maleducato

Il 3 settembre alle h 12.45 circa stavo camminando con un’altra persona in corso Magenta, a Milano, nel tratto da Via Carducci a Via De Togni, quando un taxi bianco è sopravvenuto in senso contrario a velocità molto alta, immettendosi nella corsia delimitata alla sua sinistra dalla pensilina del tram e alla sua destra dal marciapiedi dove ci trovavamo noi. Non ha rallentato neppure un po’ e ha preso in pieno una pozzanghera delle prime piogge di settembre lavandoci completamente. E’ sparito alla stessa velocità. Siamo rimasti bagnati per ore, perché impossibilitati a cambiarci. Dopodiché abbiamo dovuto lavare tutti gli abiti, giacca, golf, scarpe, imbrattati dallo sporco della strada. E’ questa la “casta” dei tassisti, quelli che non vogliono liberalizzare le licenze perché trattasi di “servizio pubblico”? Io di un “servizio pubblico” così ne faccio volentieri a meno. E voi? Carlotta

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog