Cerca

L'8 (+1) settembre di Gianfranco Fini

Ho partecipato sin dal lontano 1981, come militante e volontario, a tutte le Feste Tricolori di Mirabello, prima del MSI e poi di AN, ma da quando, due anni fa Fini ha fondato il Fli, non sono più andato, nemmeno come semplice passante, alla festa di un partito che sentivo e sento distante da me tanto, e forse più della sinistra. Ma tralasciando l’aspetto personale, ho letto oggi i commenti della stampa all’intervento di Fini a Mirabello, e mi è parso di capire che la sua linea politica si fondi sul poco, per non dire sul nulla. Non credo che la piazza semivuota sia dovuta solo al terremoto. Vittorio Lodi, avrebbe detto che non era sensato fare venire centinaia di pullman dall’Italia, in una zona colpita dal sisma, ma tale affermazione pone due domande, 1) allora i pullman degli anni scorsi, arrivavano per fare da claque, da scenografia, ad un partito in realtà inesistente, e 2) se il fascino di Fini e del Fli fosse così grande come vogliono fare credere gli organizzatori locali, cosa avrebbe impedito a migliaia di persone di accorrere egualmente per udire in diretta il verbo del Gianfranco pensiero, quella del 2012 è stata allora una “festa a numero chiuso”? Il discorso in sé, (dopo le lacrime di prammatica di Vittorio Lodi, che dal 1981 con Almirante ed il MSI, ad oggi con Fini ed il Fli, non fa mai mancare) è stato un miscuglio di bassa demagogia, con le minestre riscaldate di Pdl e Pd, che sostengono Monti, e Fini ed il Fli dove stanno, il richiamo alla festa di 31 anni fa, ma allora c’era il MSI, e Fini non ha forse abiurato e stra abiurato quel passato, (vedi la sua definizione del fascismo come male assoluto, e la conversione all’antifascismo) a cui non ha più diritto di fare riferimento, lui che ha ucciso il MSI, ha fatto sparire AN, per essere fagocitato da Berlusconi nel Pdl, e poi andarsene, creando così le premesse per il governo Monti, che forse piacerà a lui, a Casini e Rutelli, a Bersani ed Alfano, ma non certo alla maggioranza italiani. Fini propone un terzo polo, con chi, e con quale presidente del consiglio? In piazza non osa citare il nome di Monti, come non osa citare le sue idee di cittadinanza più rapida per gli stranieri nati in Italia, probabilmente per evitare che i pochi, e non convinti applausi, dello scarso pubblico presente, si trasformino in fischi. Il resto sono generiche frattaglie di una pseudo destra (che piace tanto alla sinistra), la quale parla di valori, smentiti dalla pratica politica quotidiana del Fli. Credo che Fini a Mirabello, dopo avere sepolto il MSI ed AN, abbia ieri celebrato il suo 8 settembre (con un giorno di ritardo), o più esattamente abbia celebrato le esequie anticipate del Fli, il quale continuerà la sua umbratile esistenza di fantasma politico, sino alle elezioni del 2013, quando il popolo sovrano, col proprio voto, ne firmerà il certificato di morte. Cento, 10 settembre 2012 Cesare Falzoni, già iscritto al MSI, ad AN, attualmente appartenente a La Destra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog