Cerca

Studiare in Italia....(o all'estero?)

Oggi sono usciti i risultati dei test propedeutici all'ingresso alla facoltà di odontoiatria, e con mio sommo dispiacere ho scoperto che mio fratello non è entrato,e andrà 5 anni in Spagna a studiare,per potere esercitare la medesima attività lavorativa che tutt'ora svolge mio padre. Invece di preoccuparsi unicamente della legge elettorale,i signori ministri potrebbero pensare a queste situazioni,in cui un ragazzo deve allontanarsi dalla famiglia per studiare e "esercitare un diritto costituzionale"(mi riferisco al lavoro)???... La domanda ovviamente è retorica!! .....d'altr'onde.......esiste un ministro con un figlio che non sia entrato in una facoltà??. Ecco smascherate già due lacune della nostra costituzione: art 3 e art 1: -L'italia non e (più) una repubblica fondata sul lavoro -Tutti i cittadini (non sono) uguali dinanzi alla legge....pero a quanto pare la Repubblica(o chi per essa) si impegna a rimuovere gli ostacoli e le differenze, e "gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona umana".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog