Cerca

CASO FIAT

Sig. Direttore, mi sento costretto ed in dovere di dover segnalare, principalmente alle nuove generazioni, che tutto quello che stanno dicendo o scrivendo sul " CASO FIAT " non è altro che una nuova presa in giro come per le tasse che abbiamo subito recentemente e cioè: - dal 1970 ( forse anche prima ) la FIAT ha preso sempre contributi dallo Stato e non qualche mazzetta ma fior di soldi pubblici che hanno anche contribuito ad avere oggi il debito pubblico che abbiamo; - dico ai rampolli della FIAT di andare a verificare la storia dell'attività della società; - nessuna classe politica ha mia denunziato questo spreco di denaro pubblico a favore di una famiglia privata come anche con i soldi dello Stato costruivano stabilimenti di produzione all'estero nel contempo i lavoratori in ITALIA venivano collocati in CIG. La spiegazione è semplice in quanto era motivo di serbatoi di voti per tutti i partiti e organizzazioni nessuno escluso. MA DAL 1994 CI SI STA PREOCCUPANDO E DENUNZIANDO, GUARDANDO DAL BUCO DELLA SERRATURA ( mi hanno insegnato che non è ne educato e ne corretto ) CHE UNA PERSONA E SOLA UNA PERSONA SI GODE LA VITA IN MODO PIU' NATURALE POSSIBILE e nessuno parla della coppia di fatto, della vita irregolare e di tante altre anomalie che questa classe politica stanno cercando di generare. LA RIDUZIONE DELLA SPESA PUBBLICA A CHE PUNTO SI TROVA? E NESSUNO NE PARLA. Mi scuso per la lungaggine ma molte altre cose sono rimaste nel mente. Biagio Brambilla

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog