Cerca

NON POSSIAMO CONTINUARE A TRAGHETTARE CLANDESTINI IN ITALIA

Non possiamo continuare a traghettare clandestini in Italia. I trafficanti di uomini sanno di poter contare sull'aiuto della Marina Militare italiana, che accoglie a braccia aperte tutti coloro che arrivano. E' ora di cambiar registro. I clandestini non devono aver accesso alle nostre acque territoriali; devono invece essere respinti con fermezza verso le acque internazionali. Abbiamo tenute le braghe calate fino ad ora: adesso rimettiamocele. Prendiamo esempio dalla Spagna o dalla Grecia. Solo così i mercanti di uomini non ritroveranno più il loro tornaconto, perché i viaggi della speranza termineranno con un dietrofront. Dopo che la cosa si sia ripetuta qualche volta, dovranno mettersi il cuore in pace e rassegnarsi a piantarla. Soluzioni alternative efficaci francamente non riesco a vederle. Solo la fermezza può far cessare questo flusso inarrestabile con le tragedie ad esso connesse. Con i più cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog