Cerca

DIEGO DELLA VALLE . UN INVIDIOSO PARVENU

Non è più il tempo ma a volte si dimostra attuale il detto latino “rustica progenies semper villana fuit”. Il Diego, figlio di un ciabattino, ha fatto fortuna con le scarpe : un fiume di soldi all’ombra di fabbriche in paesi poveri. Però gli è rimasta l’invidia feroce verso chi gli sta sopra per ricchezza, classe, importanza : sgomita per raggiungerli ed intanto li insulta non appena ne intravvede qualche difficoltà. Ieri BerlusconI, oggi Elkan, domani chissà : è l’istinto predatore della iena. Non basta una sciarpa di cashemere per fare un signore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog