Cerca

IN RISPOSTA ALLA LETTRICE - ALESSANDRA SARTORIO-

Voglio rispondere alla lettera firmata ALESSANDRA SARTORIO appartenente alla grande famiglia di *LIBERO* e fan del nostro Direttore Maurizio Belpietro grintoso, perentorio, frustatore di scandali, di opere incompiute, di ruberie quotidiane.- Un *connazionale* è ammirato dal suo scritto . Complimenti e brava Alessandra.- Sono totalmente d’accordo.- Bisogna reintrodurre e rispettare le regole.- Quando una persona varca la soglia di casa di un amico deve comportarsi con educazione rispettoso del ruolo di *ospite* Nella mia esperienza di vita oltre al lavoro di artigiano tessile che svolgo tutt’ora ( voglio precisare la mia età -anni 71) mi sono impegnato a fare l’allenatore di calcio a livello dilettante nel campionato regionale lombardo munito di regolare patentino del settore tecnico federale di Coverciano per la conduzione della prima squadra.- Dovendo assemblare 20/25 calciatori di diversa estrazione sociale lo spogliatoio deve essere gestito con regole severe, perentorie, osservate.- Senza regole è certo la formazione di un gruppo anarchico, indisciplinato, assente da ogni risultato sportivo.- Sono le due facce che Alessandra ha ben evidenziato nella Sua bella lettera inviata al nostro grande Direttore.- Pertanto COMPLIMENTI al Primo Ministro Australiano JOHN HOWARD che ha deciso che chiunque varca la soglia del territorio australiano deve tassativamente sottostare alla cultura – alla civiltà – alla religione – alla lingua – alle leggi – alla costituzione – alla bandiera – all’inno nazionale – **QUESTO E’ IL NOSTRO PAESE – LA NOSTRA TERRA – IL NOSTRO STILE DI VITA** **SE NON SIETE D’ACCORDO – NON RESTATE - PARTITE** Bello…stupendo…affascinante..grande senso di civiltà e di rispetto della propria terra delle persone che hanno saputo donare la propria vita per creare una Nazione civile, cristiana, rispettosa di tutti i cittadini.- Quando la nostra povera Italia riuscirà raggiungere questo altissimo traguardo di civiltà, di Nazione da proiettare in un brillante futuro.- Non come adesso –senza regole chiare- a conduzione dilettantistica – scandali e ruberie quotidiane- la nostra Nazione sta sprofondando nell’anarchia, nella più efferata disgregazione sociale.- Dobbiamo rialzare la testa, anche noi costruire regole precise dopodichè **CHI CI STA’ RESTI - CHI SI LAMENTA RITORNI DA DOVE E’ VENUTO**

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog