Cerca

Gesip, ecco perché la città di palermo puo' farne a meno

I dipendenti bloccano la città e accusano: "La colpa è dei politici". Nulla di più falso. Ecco perché. C’è un grande equivoco dal quale, per onestà intellettuale, bisogna tirarsi fuori. E cioè che senza la Gesip la città si blocca. A LiveSicilia un ex dipendente dell’azienda invia le foto di una villetta che prima lui ripuliva e che adesso è in stato di abbandono. L’effetto immediato è: minchia, vero è. L’effetto a lungo termine invece è: minchia, perché i palermitani devono lordare uno spazio pubblico? Per mantenere chi lo deve pulire? Il discorso vale per molti altri servizi della Gesip, non tutti per carità. Anni fa mi spiegarono che alla piscina comunale ci sono (o c’erano) otto-dieci dipendenti per il servizio di portineria, solo che la piscina non ha una portineria. Se imparassimo a gettare le bottiglie vuote e le cartacce negli appositi contenitori di rifiuti, saremmo svincolati dal ricatto di un manipolo di pseudo-lavoratori che chiede soldi per non far nulla. Ripeto, non tutti gli operatori della Gesip sono inutili e fannulloni. Ma di gran parte potremmo fare a meno. Anzi ne abbiamo già fatto a meno per anni, quando molti di loro fingevano di lavorare pur percependo regolarmente uno stipendio. I famosi lavoratori in contumacia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog