Cerca

Ricordando la "donna gentile" del Foscolo

Cent'anni fa nasceva, ad Avellino, Carlo Muscetta, critico letterario formatosi a Napoli a contatto con Croce e, quindi, attento ad aspetti e problemi della "letteratura militante", secondo il titolo di alcuni suoi volumi del 1953. Non minore attenzione meritano gli anniversari legati a figure femminili. Come Monna Sartori, che nel 1512 sposa il modenese Francesco Maria Molza, cui diedero gran fama presso i contemporanei le liriche latine, elegie politiche e religiose. O come Giulia Molino Colombini, che nasceva a Torino duecent'anni fa e che fu tra le prime scrittrici ad occuparsi di educazione femminile. I suoi scritti furono lodati dal Manzoni e dal Tommaseo, le sue poesie civili e patriottiche vennero invece apprezzate da Gioberti per un certo tono virile dell'ispirazione. Sempre nel 1812, in ottobre, la senese Quirina Mocenni Magiotti conobbe Ugo Foscolo, al quale fu legata da amore ed ammirazione devota fino alla morte (il poeta la disse "donna gentile"). La Magiotti impedì, con un acquisto simulato, la dispersione delle carte di lui e ne promosse l'edizione delle Opere presso Le Monnier.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog