Cerca

RISPOSTA ALLA *IMPRENDITRICE STANCA*

Ho letto con attenzione ma con tanta angoscia la lettera/denuncia di *angela c.*.- Quante verità, tante troppe verità sono presenti in questo scritto.- Anche il mio piccolo laboratorio artigianale tessile è nato in tempi lontani , nel 1996.- Ne abbiamo passate di vicissitudini anche buone ma la maggior parte sempre difficili.- In 46 anni di produzione tessile ( specifico cento per cento italiana ) di articoli per la cucina come tovagliato - copriabiti proteggi macchia - grembiali in vita e in petto - strofinacci - guanti - presine - tovagliette prima colazione - ect.......... Abbiamo dovuto combattere con produzione interna più che comprensibile , anche ragionevole producendo alla pari con costi di lavorazione, di buste paga regolati da contratti nazionali di settore dove la differenza la faceva il gusto, le stampe, le famiglie di tessuti, la qualità del servizio, l'abilità del personale nel comunicare con la clientela.- Oggi tutto questo è schiacciato dai prodotti dei paesi orientali che sono agevolati al massimo da favorevoli condizioni di manodopera , di aiuti statali, di sfruttamento dei bambini , e inondano i nostri mercati di prodotti di ogni genere a prezzi bassissimi , distruggendo migliaia di piccole aziende.- Tutto ciò con il permesso dei nostri pseudo governanti.- La nostra INPS sta impegnando migliaia di ispettori per la verifica delle pensioni di inabilità.- Bene tutto ciò è giusto, ci mancherebbe altro.- Questa verifica fiscale della salute deve essere estesa anche alle aule del parlamento , agli uffici del pubblico impiego dove , sempre a mio parere, scopriranno non vedenti-sordi-muti-con problemi di equilibrio mentale- perchè non è possibile che non si accorgano della situazione disperata che hanno contribuito a creare alla maggior parte del popolo italiano.- Etichettato pure e giornalmente *evasore fiscale* Ma siamo matti......... Mentre per loro - la casta - la salute è ottima sia per cenare a base di ostriche inondate di abbondante spumante con bollicine, sia per acquistare palazzi (fronte Colosseo) sia per comperare ville con parchi enormi (fronte mare) sia per elargire consulenze modello sceicco (fronte amici).- Dove vogliamo andare, dove e quando possiamo crescere quando il nostro parlamento delibera di sottoporre anche ad IVA le tasse regionali -del gas metano- dell'energia elettrica- le tasse comunali - la tassa smaltimnto rifiuti - le accise sul carburante - e quant'altro ancora.- Dove possiamo assumere nuovo personale se parliamo dello scandalo IRAP tassa che tassa il costo del lavoro del dipendente .- E' una tassa che in bilancio è un costo per l'azienda ma la formidabile testa di...Visco l'ha trasformata in quota reddito per il datore di lavoro caricandola del 23% di IRPEF e del 21,3% di INPS.- Per far capire bene a chi ci legge l'operazione è la seguente: l'artigiano porta in banca 10.000,00 euro quota IRAP (USCITA) per lo stato questa spesa di 10.000,00 euro è un utile (ENTRATA) ( CHI LI HA VISTI??????) da inserire nella riga dei redditi sul modello 740 (modello unico) 10.000,00 più 23% INPS ( 2.300,00 euro) più 21,3% INPS ( 2.130,00 euro) -IRAP 10.000,00 INPS 2.130,00 IRPEF 2.300,00 TOTALE euro 14.430,00 euro.- Incredibile ma vero molte grazie Visco.( dove e quando hai pensato questa porcata). Per di più la guardia di finanza costantemente controlla le nostre aziende perchè siamo tutti *evasori fiscali* Ma quando mai.................. Certo che lavorare sdraiati su comode poltrone del parlamento, in giacca, cravatta senza pensieri, senza preoccupazioni di onorare il pagamento delle RIBA dei fornitori scadenti a fine mese specialmente in questo grave periodo dove il fatturato precipita giornalmente per mancanza di richiesta e di soldi.- La guardia di finanza è qui che deve svolgere un grande lavoro di recupero di tutto lo sperpero dei soldi, di scovare i fannulloni che sono pure strapagati, di intercettare le ruberie di migliaia di euro a danno di cittadini che nel mondo del lavoro artigiano faticano alla grande per tentare di tenere appena, appena a galla la piccola azienda e rispondere con tutta la moralità che si possiede a difesa anche del lavoro dei dipendenti che hanno famiglia da mantenere con dignità e sicurezza del futuro.- La voce dello Stato dice *se tieni aperto paga* *se non guadagni chiudi* Ora hanno avuto lo spudorato regime di stabilire anche i parametri di redditività inventando gli studi di settore .- Certo è comodo stare spaparanzati in ufficio col climatizzatore d'estate oppure con riscaldamento a 24/25 gradi d'inverno e con giacca/cravatta tracciare grafici , vendite irreali e quant'altro. ROBA DA PAZZI.......... D'estate in azienda si soffre il caldo e d'inverno il termostato è regolato a 18,5/19,0 gradi.- Il fatturato scende, scende tanto da annullare tutti i margini a disposizione dell'azienda.- Le aggressioni fiscali sono così tante che non lasciano margini operativi per la crescita si galleggia solo per ononare la busta paga dei dipendenti e lasciare a mani vuote l'artigiano.- Ricordo ancora che con tutto cioò siamo sempre apostrofati *evasori fiscali* Abbiamo esempi di molte piccole aziende che combattono con vera dignità - positività - serietà - capacità - moralità e vera cristiana socialità.- Al contrario dell'esempio di molti governanti, parlamentari, governatori, assessori, consiglieri, sindaci che sono una vera calamità , mancanti totalmente di valori, di senso del dovere , abili a promuovere attività solo per loro , capaci di sfruttare come non mai il cittadino italiano sommergendolo di tasse ...e poi ancora tasse ... e poi ancora tasse... solo per mantenere questi parassiti e questi chiaccheroni.- Certo che un merito l'avete acquisito e centrato in pieno : quello di aver saputo gestire l'amministrazione della nostra nazione riuscendo a portarla addirittura in bancarotta regalandoci duemila miliardi di euro di indebitamento, il peggior indebitamento del mondo.- Complimenti..... Questa è la vostra medaglia che potete appuntare sul petto con la scritta *distruttore dell'azienda italia* Equitalia dovrebbe cartolizzare questo debito e recapitarlo a tutti i parlamentari che oggi e ieri hanno contribuito nella cattivissima amministrazione della nostra nobile nazione.- Il popolo italiano degli operai - degli artigiani - dei commercianti - è stanco di ruberie....scandali... di parole... di fandonie.. dei vostri privilegi....dei vitalizi regalati a fannulloni... di sperpero di enorme denaro... di consulenze strapagate... di viaggi di studio ( ma quale studio che non sapete badare ai conti ) di oppressione fiscale scandalosa mortificante tanto d'aver distrutta tutta quanta la famiglia italiana lasciandola senza economia e senza serenità.- I nostri vecchi ci hanno insegnato: ***attenti a tirare troppo la corda...prima o poi si spezza** e sono cavoli amari per chi ci ha imbrogliati.-

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog