Cerca

25.000 euro per fare impresa!

Buongiorno, riporto di seguito la lettera scritta al Sindaco di Milano. La sintesi è che per fare impresa Milano mi chiede 25.000 euro NETTI!!!!, mia figlia che lavora come dipendente vi mette due anni a guadagnarli...ma cosa dobbiamo fare noi Italiani? Egr. Sig. Sindaco, le scrivo per sottoporle un problema per me molto importante. Per poter riavviare l’attività commerciale che, a causa del periodo di crisi in cui si trova la Nazione, ho dovuto chiudere nel mese di giugno, devo sostenere una spesa di circa 25.000 € per cambiare la destinazione d’uso di un fabbricato. La cifra non è nemmeno rateizzabile e rappresenta quindi un vincolo non superabile. Le banche, che sostengono senza alcuna remora speculatori fiscali, non si sognano di aiutare noi cittadini comuni e alla richiesta di un finanziamento per l’apertura di un’attività commerciale… beh “ridono”. Le chiedo se fosse possibile trovare una soluzione alternativa che possa aiutare me e mia figlia. L’attività di cui le sto parlando è un negozio di biancheria intima aperto circa 30 anni fa da mio padre, l’ho dovuto chiudere nel mese di giugno perché le spese erano diventate insostenibili e a malincuore ho dovuto anche licenziare le quattro “ragazze” che da sempre o comunque da molti anni, lavoravano con me. Ora vorrei ripartire in un contesto più contenuto, dai 300 mq costruiti da mio padre ritornare a soli 100 mq con la speranza di riespanderci insieme alla ripresa dell’Italia. Se davvero vogliamo riprenderci ed uscire da questa crisi, dando ai nostri figli la speranza di poter ancora costruire qualcosa, è ora che lo stato collabori con i cittadini, è ora che insieme alle Vostre richieste di sostegno che negli ultimi mesi sono state accolte dagli Italiani siano ascoltate le Nostre richieste e siano accolte. Se l’Italia è cresciuta sull’imprenditorialità delle famiglie beh, ridate alle famiglie la possibilità di far tornare a crescere la Nazione. Non trovo razionale chiedermi 25.000 € per fare impresa, perché di ciò si tratta: risanerei uno stabile attualmente in disuso, darei lavoro a 2 o 3 persone, rappresenterei un nuovo cliente per i fornitori e… pagherei le tasse, eh si proprio così rappresenterei un’entrata di migliaia di euro per le casse dello Stato. In attesa di una Sua sollecita risposta Cordialmente Maddalena Rescaldani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog