Cerca

Beato me,cioè IO !...

Le disgrazie,si dice,non vengono mai sole.Nel caso di un giornalista,un "rinvio a giudizio" seguito da una condanna non viene mai solo. Apprendo (dalla superbenedetta stampa,perchè se fosse per loro,i Magistrati,apprenderei solo le "fuitine" di Silvio Berlusconi) che secondo un PM le interviste a personaggi noti non possono essere pubblicate,a meno che il Direttore del giornale non eserciti una censura preventiva. Questa qui,secondo me,è ancora più grave dell'altra che ha portato il giornalista Sallusti alle dimissioni da Direttore. Meno male che,se mi intervistassero,e io sparlassi di D'Alema,di Vendola o di Bersani,oppure (la Madonna mi protegga) di Tonino Di Pietro,e un giornalista venisse ad intervistarmi,i citati "Statisti" se ne sbatterebbero. Proprio perchè io sono un emerito sconosciuto (emerito...per via dell'età).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog