Cerca

LETTERA APERTA AL DOTTOR ALFONSO MALATO

Ci avete già ospitato in precedenza ( http://www.liberoquotidiano.it/lettere/5415/Professionisti-e-precari-sulla-bilancia-della-giustizia.html), ora vi chiediamo un altro piccolo spazio per esprimere la nostra opinione in merito a… Lettera aperta al dottor Alfonso Malato, Direttore Generale Beni, Servizi e Risorse, Direzione Generale Ci siamo permessi di trascrivere mantenendoci il più fedeli possibile ciò che ha enunciato in occasione del suo discorso effettuato e riportato in questo link (http://saperi.forumpa.it/relazione/portale-trascrizioni-verbali-dibattimentali) dove si può ascoltare l’audio e purtroppo constatiamo che ad oggi vi sono stati solamente 119 accessi. Un peccato ci siamo detti, quindi perché non dare giusto risalto a parole così importanti, a considerazioni cosi incisive e soprattutto ad una conoscenza delle problematiche del nostro settore così approfondita? Tant’è che partendo proprio da quello che Lei ha dichiarato ci permettiamo di controreplicare perché lavoriamo in trincea e conosciamo molto bene il tema da Lei affrontato, cogliamo quindi l’occasione per implementare ancor meglio le sue conoscenze sull’argomento. I COSIDDETTI TRASCRITTORI… TRA VIRGOLETTE. PS: naturalmente siamo in grado di dimostrare tutto ciò che abbiamo scritto, anzi, non aspettiamo altro di farlo. ALFONSO MALATO: E allora buongiorno a tutti, sono Alfonso Malato, direttore generale Beni Servizi Risorse, Direzione Generale, che opera nell’ambito del DOG, Dipartimento Organizzazione Giudiziaria. Il tema che mi è stato assegnato oggi è quello relativo al cosiddetto “Portale Giustizia”, ovverossia il portale che gestisce in maniera centralizzata il sistema… il servizio della verbalizzazione degli atti dibattimentali. Ovviamente stiamo parlando del… materia penale, udienze penali, norma di riferimento art. 51 delle disposizioni di attuazione del codice di procedura penale. Dal 2006 ad oggi - questo in seguito ad una legge intervenuta nell’agosto del 2005 - il sistema di verbalizzazione degli atti e quindi le cosiddette trascrizioni avviene in maniera centralizzata e non come avveniva una volta attraverso singoli contratti che a livello locale, distrettuale o circondariale venivano posti in essere e che erano assolutamente gestiti in sede locale senza nessuna possibilità di controllo da parte dell’Amministrazione centrale e senza ovviamente l’esistenza di un portale che riconducesse ad unità il sistema. In seguito appunto alla legge del 2005 è stato nella prima gara bandita poi intorno all’Aprile-Maggio del 2006… è stato dato alla luce il primo verbale della… della… diciamo, il primo verbale cosiddetto Giustizia. Successivamente è stata fatta una nuova gara che è ancora oggi in corso, una nuova gara con un contratto del 2009 e… e… che prevede la… ve lo dico brevemente per poi entrare nei particolari, una suddivisione in quattro lotti, in cui il primo lotto è appunto quello relativo al portale, all’aspetto tecnico del servizio, e poi tre lotti che dividono un’Italia in tre mappe o aree geografiche, Nord, Centro, Sud che attengono invece specificamente alla cosiddetta trascrizione degli atti, cioè alle trascrizione delle udienze dibattimentali. Il verbale è il… il portale ovviamente costituisce un grossissimo passo avanti rispetto alla precedente gestione e questo… e ha, come vedremo, comportato anche, questa unitarietà e centralizzazione del servizio, dei risparmi di costi molto notevoli rispetto alla precedente, diciamo, gestione. In particolare il portale informatico cosa consente? Consente innanzitutto la ricezione delle richieste d’intervento di assistenza in udienza; la registrazione dei calendari dell’udienza con le quali… per le quali occorre l’assistenza e quindi la fonoregistrazione e la successiva trascrizione; le statistiche sui dati elaborati; la rendicontazione e dal punto di vista qualitativo e dal punto di vista qualitativo dei verbali prodotti e dei caratteri di ciascun verbale; la conservazione - e questo è poi l’aspetto principale e importante -… la conservazione di tutti i dati e dei verbali trascritti e acquisiti. Per quanto riguarda poi strettamente all’Amministrazione, cosa che prima invece era impossibile farsi, un controllo compiuto delle attività svolte e questo sia per verificare in concreto l’attività posta in essere dai, chiamiamoli tra virgolette, “trascrittori” e poi, alla luce di quelle che sono le varie norme contrattuali, poter addivenire ai pagamenti e a eventuali applicazioni di penali qualora appunto ci siano dei ritardi nelle consegne o qualora l’attività non venga, diciamo, posta in essere con le modalità contrattualmente previste. Qual è la vera utilità del portale, per andare, diciamo, in maniera molto semplice e diretta al nodo della questione? la possibilità che ha l’utente di, attraverso una password, collegarsi al sistema ed avere immediatamente la possibilità di visionare… di verificare che un determinato verbale di una determinata udienza è stato trascritto, quindi caricato e di conseguenza poterlo visionare dal proprio punto di accesso, eventualmente estraendone copia. Fino al… diciamo, fine 2010, inizio 2011, la possibilità del collegarsi al portale era limitata semplicemente agli uffici, diciamo, giudicanti, quindi alle Cancellerie che attraverso una serie di password aveva questa possibilità del collegamento diretto. Ci siamo posti il problema al DOG di ampliare e implementare il portale cercando di rendere un servizio sempre migliore anche a vari soggetti… gli altri soggetti utenti, in particolare abbiamo cominciato a porci il problema degli uffici requirenti. Perché che cosa accadeva, il Pubblico Ministero che aveva bisogno del verbale di una determinata udienza per studiare il processo, per fare insomma la propria attività, doveva richiedere l’estrazione di copia alla cancelleria del giudice, veniva quindi stampato su cartaceo il verbale e veniva dato al Pubblico Ministero il quale proseguiva ovviamente con la sua attività. Questo ovviamente comportava e ha comportato un duplice costo che è un costo economico in senso stretto derivante dalla carta utilizzata per la riproduzione, il toner e l’utilizzo delle foto… i foto riproduttori, e un costo legato al personale, il quale veniva ovviamente, e viene impegnato, in questa attività di fotocopiatura di verbali, di centinaia e centinaia di pagine, quindi con un impegno, devo dire, in termine di ore e di monte ore lavorativo estremamente, diciamo, gravoso. Il primo passo quindi che si è fatto è stato quello di studiare, e si è trovato tramite l’attuale gestore del portale che è Poste Com Postel, un sistema che consentisse il collegamento diretto anche agli uffici dei requirenti e con una implementazione del portale che devo dire ha avuto un costo tutto sommato estremamente limitato nell’ordine di alcune decine di migliaia di euro si è avuto… si è data la possibilità anche agli uffici della Procura della Repubblica di accedere direttamente al portale e quindi di non dovere richiedere copia degli atti alle Cancellerie e quindi di non dovere mettere in moto quel meccanismo estremamente costoso e farraginoso che dicevo in precedenza. Questa… Attualmente, vi do qualche numero: ad esempio sono muniti di queste famose password che consentono l’accesso diretto al portale 4.337 utenti, tra virgolette, “appartenenti agli uffici giudicanti”, 1100 password sono in dotazione e in attesa di ulteriore ampliamento alle Procure della Repubblica e 1500 trascrittori esterni hanno anch’essi ovviamente la loro password perché una volta che la udienza, previa richiesta, viene regis… fono registrata e poi il verbale viene trascritto, deve essere caricato sul portale. Qualche altro dato per avere un’idea di massima su quella che è, diciamo, l’entità del sistema. Ad esempio dal… con riferimento all’ultimo, diciamo, contratto attualmente in corso, quindi a partire dal Maggio del 2009 allo scorso Aprile sono stati richiesti 330.880 interventi, cioè richiesta di assistenza in aula ai fini di procedere alla fonoregistrazione e successiva trascrizione dell’udienza stessa; sono stati prodotti 1.291.254 verbali; sono stati prodotti – e caricati ovviamente -… sono stati prodotti e caricati 1.694.628 documenti a corredo dei verbali. Solo per dare un dato in quest’ultimo anno, diciamo, da Maggio 2011 ad Aprile 2010 (sic) sono stati prodotti e quindi caricati a verbale 458.447 verbali e sono stati, diciamo, tra virgolette, “prodotti” 9 miliardi 671 mila eccetera di… - elimino i rimanenti –… di caratteri che sono poi i… le modalità di riferimento su cui viene “contabilizzato”, tra virgolette, il lavoro svolto dei trascrittori ai fini poi del pagamento. Ma aperto, diciamo, questa… la via alla possibilità di utilizzazione diretta e di accesso diretto tramite le password di cui dicevo delle Procure delle Repubbliche e quindi agli uffici requirenti al Portale Giustizia si è posti al DOG anche il problema di come, sempre in un’ottica di… e in questo caso davvero maggiore ed estremamente riduzione dei costi ed… e ottimizzazione del sistema, di come potere estendere il servizio anche agli avvocati e proprio a tale proposito è stata posta in essere, ed è attualmente da circa un mese in corso, una sperimentazione presso la Corte di Appello di Palermo, in questo caso si è posto in essere… SCONOSCIUTO: Una volta tanto al Sud. ALFONSO MALATO - … una volta tanto al Sud che si fa, devo dire, onore in questo campo, anche in questo campo. L’iniziativa nasce appunto dal DOG nella sua arcola… nelle sue due articolazioni nella Direzione Risorse e della D.G,. S.I.A. di concerto con il… Postel che è l’attuale gestore del portale, Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Palermo e ovviamente il CISIA di Palermo.. c’è anche il dottore Vitale che è presente, che è stata grande parte, diciamo, coinvolta in questo esperimento che sembrerebbe allo stato procedere bene e si spera dalle ultime notizie nel giro di un mese, mese e mezzo, potere, diciamo, concludere in maniera definitiva la fase di sperimentazione e vedere come potere quindi, su base nazionale estendere il sistema. Diciamo che il portale, cosiddetto, degli avvocati, per intenderci oggi qua in gergo, rispetto al Portale Giustizia presenta delle peculiarità particolari ovviamente, perché si deve consentire l’accesso di soggetti che non appartengono all’Amministrazione, di soggetti che devono avere una autenticazione per poter accedere al portale e poter chiedere di estrarre copia o di visionare copia di un determinato verbale, quindi devono avere un titolo legittimante, sono soggetti che devono essere tenuti al pagamento dei cosiddetti diritti di copia che comunque devono pagare, estraggano o non estraggano copia degli atti; occorreva quindi un… come dire, costruire un sistema e implementare quindi il portale esistente oggi nella sua esplicazione odierna che tenta di essere… che appunto coniugasse tutte queste esigenze. Diciamo che probabilmente si è arrivati – almeno queste sono le notizie che abbiamo - a un sistema che riesce – ora vi dirò con quali modalità operative, vi dirò brevemente con quali modalità operative – a soddisfare tutte queste esigenze. La prima esigenza qual è? Consentire all’avvocato da qualsiasi parte del territorio nazionale tramite un punto di accesso di accedere al verbale… io mi trovo nel mio studio di Roma in ipotesi e ho bisogno della trascrizione del verbale di udienza di un mio processo che si tiene alla Corte di Appello di Torino; è chiaro che io non mi reco a Torino a estrarne copia ma direttamente dal mio punto di accesso accedo appunto al verbale, pago i miei diritti di copia e posso visionarmi il… la trascrizione del verbale che m’interessa. Come do… come avviene già nella sperimentazione che avviene e come al novantanove per cento dovrebbe essere la procedura finale, essendo, tranne qualche limatura che si dovrà fare, il sistema ormai abbastanza, diciamo, oleato da questo punto di vista? Quindi, l’avvocato si collega dal punto d’accesso, il punto d’a… espone…e il punto d’accesso naturalmente identifica la qualità di avvocato abilitato, l’avvocato – e questa è una fu… un passaggio importante – sceglie di accedere al servizio, si impegna a consultare dati del processo nel quale è formalmente costituito per una Parte (inc.) privata e per esprimere tale impegno e potere quindi poi fruire del servizio dovrà cliccare proprio un apposito bottone in cui – leggo per esteso – c’è una scritta “Ho letto quanto sopra e m’impegno”, in calce ad una pagina dove viene inserita questa formula. E’ chiaro che non avrà ancora accesso alle trascrizioni ma solo ad alcune informazioni sulle trascrizioni, di conseguenza l’avvocato formula… farà questa formula d’impegno ma allo stato non c’è alcun rischio per l’Amministrazione che un avvocato non Parte, diciamo, legittimata del processo possa acquisire informazioni non dovute e quindi non c’è nessuna possibilità di violazione della privacy. Il punto di accesso a questo punto espone un servizio di consultazione della banca dati Postel che consente all’avvocato la verifica del deposito delle trascrizioni che gli interessano, l’avvocato quindi, una volta acquisito il dato che la trascrizione o le trascrizioni che gli interessano esistono e sono caricate sul portale, farà richiesta di quelle di cui vuole specifica copia; il punto d’accesso recupera i dati delle trascrizioni, calcola automaticamente, sulla base del numero delle pagine che viene dal portale rinviato delle trascrizioni la… i diritti di copia che dovrà pagare e quindi, sempre attraverso il punto d’accesso, procederà con questi dati ricevuti a fare un’istanza di richiesta copia sottoscritta con firma digitale dopo avere proceduto al pagamento dei diritti di Cancelleria. Il portale una volta ricevuta l’attestazione di pagamento, quindi avuta la certezza che il pagamento è stato effettuato, procederà poi a rendere fruibile al punto d’accesso la trascrizione di cui è stata richiesta copia. E’ chiaro quindi che il sistema così come è strutturato riesce ad assicurare la certezza della titolarità dell’avvocato che consulta il portale ad avere diritto alla copia degli atti e assicura l’introito dei diritti di Cancelleria e consente di sgravare a regime le Cancellerie da un lavoro, devo dire, estremamente gravoso con un risparmio dei costi notevolissimo. Dicevo, solo nell’ultimo anno sono stati prodotti, e quindi caricati a verbale, oltre 450 mila verbali di udienza; non abbiamo il dato delle copie che sono state estratte, si tratta ovviamente di un dato superiore a 450 mila. E’ di tutta evidenza pensare quale costo di carta, di toner, sarà risparmiato una volta che questo servizio sarà… andrà a regime non dovendo più procedersi alla… diciamo, alla fotoriproduzione delle trascrizioni, senza naturalmente che nulla si venga a perdere da parte dei diritti di copia che sono ovviamente assicurati in via ordinaria o urgente a seconda delle modalità attualmente vigenti e quindi che resteranno come introito dell’Amministrazione in maniera assolutamente certa e codificata. Dimenticavo anche, c’è un’ulteriore applicazione del sistema che consente anche di poterne fruire agli avvocati ammessi al patrocinio a spese dello Stato, i quali avranno una… un particolare campo in cui proveranno, indicando gli estremi del provvedimento del giudice, l’ammissione al patrocinio… al gratuito patrocinio e quindi in questo caso ovviamente non pagheranno i diritti. Quindi, utili… costo… guadagni di spesa notevolissimi, costo del sistema che dalle prime stime, diciamo, effettuate dovrebbe limitarsi anche in questo caso in alcune decine di migliaia di euro, quindi un costo, diciamo, assolutamente sostenibile a fronte del vantaggio economico che ne deriverà; servizio per l’utenza, gli avvocati avranno in questo caso avranno una… un grandissima… diciamo una grandissima comodità di potere da qualsiasi punto di accesso richiedere le copie dei propri atti senza doversi recare in cancelleria; sgravio per le Cancellerie e per il personale amministrativo di tutto il lavoro che viene per questa attività, diciamo, speso e comunque controllo sempre da parte delle Cancellerie anche di questo tipo di attività, perché? Perché il sistema prevede anche una reportistica per cui il… la cancelleria potrà sempre collegarsi al portale e potrà verificare in concreto che attività è stata svolta, posta in essere, quindi, dall’avvocato con riferimento a quel processo e con riferimento a quel verbale, quindi il controllo in ogni caso è assicurato. Io a questo punto avrei finito, volevo soltanto un… fare un ultimo accenno al contenimento della spesa che è derivato finora dal sistema del Portale Giustizia e quindi dal sistema centralizzato del servizio di documentazione degli atti dibattimentali, diciamo che dal 2006 a oggi, cioè da quando è entrato in vigore questo sistema , c’è stato un abbattimento dei costi per, tra virgolette, “le trascrizioni” nell’ordine di… a seconda degli anni di circa 7-8 milioni di euro all’anno, si è passato da 30 milioni di euro e più del sistema dei singoli contratti su sede circondariale e distrettuale ai circa 20 milioni di euro dell’attuale con gara centralizzata… oltre il 30 per cento e dovrebbero ulteriormente e in maniera sensibile i costi diminuire in maniera indiretta sulle altre voci che vi dicevo poc’anzi, cioè carta, cioè toner, cioè foto riproduttori e cioè un monte lavoro del personale amministrativo. Grazie e con questo ho concluso. Dato il tempo ai lettori di ascoltare e leggere la trascrizione ci permettiamo di dire quanto segue. Siamo sicuri che le richieste vengono effettuate tramite portale? E da chi? Sono le Cancellerie ad inserire i calendari di udienza o le aziende che provvedono, una volta ricevuto il calendario in forma cartacea? E per le richieste “urgenti” come funziona? In che modo vengono controllati i verbali inseriti nel portale? Semplicemente conteggiando il numero, i caratteri e i tempi di consegna? Quindi non c'è altro da controllare? Qualità? Eventuali caratteri in più “scappati” per sbaglio? Firme digitali non appartenenti all'effettivo trascrittore? Il contratto d'appalto ha durata biennale, quindi quello assegnato nel 2009, nel maggio 2012 (data del suo intervento) era già in proroga, come lo è oggi; il numero delle proroghe lo abbiamo perso ma ci piacerebbe conoscerlo. Tra l'altro ricordiamo al Dottor Malato che proprio nella gara d'appalto del 2009 ci sono stati degli “inconvenienti”: a contratto scaduto e già in proroga, la sentenza del Consiglio di Stato ha stabilito che l'ATI aggiudicataria di uno dei lotti in realtà non aveva nemmeno i requisiti per partecipare alla gara. Ecco, per esempio in questo caso ci chiediamo: se i controlli non ci sono neanche nelle premesse, perché mai dovremmo aspettarcele nel prosieguo. Gradirà anche sapere, il Dottor Malato, che molti dei 1.400 “cosiddetti trascrittori tra virgolette” (ma siamo sicuri che siano nella realtà 400 per ogni lotto come richiesto dal bando di gara?) non hanno mai avuto la password per l'accesso al portale, altri l'hanno avuta per qualche tempo e poi gli è stata bloccata. Suggeriamo al Dottor Malato o a chi di dovere, di chiedere un conteggio a “Poste Italiane” di tutte le firme che sono state rilasciate in questi anni e quante ancora sono attive. Si potrà così rendere conto che forse i “cosiddetti trascrittori tra virgolette” sono molto più di 1.400, per il semplice fatto che tanti sono stati lasciati a casa o sono stati costretti ad abbandonare questo lavoro perché sfruttati, mal pagati o non retribuiti affatto. Insomma, un bel controllo incrociato non sarebbe male. Diciamo pure che un controllo qualsiasi nell'ambito delle trascrizioni degli atti dibattimentali non sarebbe male. Se poi tra tutte queste belle cose che ha descritto volesse anche farci sapere quante penali per i ritardi e disfunzioni varie sono state attribuite alle aziende, non sarebbe male. Infine, ci farebbe piacere sapere i tempi dei pagamenti del ministero della giustizia. Perché già dal 2006 la motivazione per i ritardi dei pagamenti e i continui ribassi degli stipendi è sempre stata attribuita da tutte le aziende al Ministero. Un'ultima riflessione dovrebbe farsi sull'argomento “risparmio”. Siamo sicuri che questo Stato stia risparmiando? Parliamo naturalmente per quanto riguarda l'appalto. Nel 2006 lo Stato (quindi i cittadini) spendeva per questo sistema circa 27 milioni di euro. Oggi, lei dichiara, ne spende 20 milioni. E tutti i lavoratori cassintegrati derivanti dall'errore di assegnazione dell'ultimo appalto? Cassa integrazione che si è resa necessaria anche e soprattutto perché le aziendesubentranti nel lotto interessato hanno proposto a chi da decenni lavorava nel settore con un contratto a tempo indeterminato, contratti precari o collaborazioni a ritenuta d’acconto e partita Iva. Inoltre, visto che si menziona la professionalità richiesta vogliamo dare dimostrazione della risposta che le aziende dei consorzi forniscono dando un esempio di come viene “reclutato”, tra virgolette, il personale addetto alla fono registrazione e trascrizione di udienze dibattimentali, personale che viene pagato tramite anche buoni inps, ciò significa che lo si utilizza per trenta giorni in un anno e poi si ricambia con altro materiale umano. • http://www.provincia.torino.gov.it/cgi-bin/lavoro/bacheca_lavoro/dettaglio.cgi?id_soggetto=20&id_annuncio=6222 Infine, ma non meno importante, ci premrebbe sapere quando il Ministero provvederà a fissare la data per la nuova gara d’appalto. La presente lettera verrà inviata anche a quotidiani che già ci hanno ospitato, a tutti i sindacati e per conoscenza ovviamente anche direttamente al dottor Alfonso Malato che se riterrà, e con nostro immenso piacere, potrà intervenire per replicare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog