Cerca

Il Patronato é in via di estinzione?

Tutto si muove, non tutto si rinnova. A proposito di Monti e dell’informatica: nella seduta di un comitato ho avvertito la viva preoccupazione che pervadeva i componenti nei confronti del ruolo che rivestiva il Patronato in relazione alla proiezione futura Internet, maggiore strumento nel mondo della comunicazione, è entrata con grande consistenza nelle case, e, tutto questo sembra possa mettere in dubbio proprio questo impegno del Patronato limitando la sua identità di grande importanza su valori ben definiti e consolidati nel tempo a difesa delle classi sociali, ad un ruolo sempre più marginale. Ciò che fino ad ora lo distingueva come identità strategica con modalità e campagne mirate alla scelta di soluzioni su problematiche sociali verrebbe a scemare sempre di più sino al suo totale annullamento . Senza dubbio la classe giovane, la qualità culturale, la padronanza delle procedure e dei collegamenti informatici svolgeranno, indubbiamente un ruolo destabilizzante nei suoi confronti. Una gran parte di richieste, che prima erano compito del Patronato verrebbero adesso perfezionate dagli utenti tramite internet e, di conseguenza, il suo ruolo verrebbe condizionato fino ad escluderlo dalla vita sociale rendendo nullo il suo impegno che lo aveva sinora contraddistinto nelle relazioni interattive tra i diversi tipi di utenza e gran parte degli enti pubblici In parole povere ,secondo loro, per dirla a modo mio, ” decadrà il tramite”, cioè, il Patronato. Adesso, io, non vorrei essere polemico, ma se quanto dirò potrà essere d’auspicio ad un futuro migliore per questa associazioni ne sarò felice; altrimenti, di cose se ne dicono tante e questa con le altre. Quindi, passo al dunque: avete notato che quando si parla di internet lo si affianca ai giovani? Il fenomeno è senza dubbio giovane e giovane è il giovane Ma, il giovane, avrà la fortuna di diventare vecchio e di conseguenza anch’egli andrà incontro a conseguenze disabilitanti, come, spero tutti noi e magari, augurandoci il più tardi possibile . Oltre tutto si dovrà tenere conto delle attuali abitudini di vita dei giovani ed è cosa, purtroppo risaputa Le abitudini condizioneranno la qualità della vita, per cui, in molti casi, si ricorrerà al geriatra i cui obiettivi sono: il mantenimento della qualità di vita, la conquista dell’autonomia individuale, la promozione e il recupero della sicurezza nel quotidiano Con tutto il rispetto per il geriatra tutto ciò potrebbe anche non essere sufficiente e quindi internet potrebbe andare a far……… e il geriatra continuerà a studiare e ad impegnarsi sempre di più fino a quando, anche lui, avrà la fortuna di diventare vecchio Perciò, io, ritengo che il Patronato avrà vita eterna ma deve stare attento al geriatra, unico, vero fattore destabilizzante e non internet. Giuseppe (Pino) Verbari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog