Cerca

Caro Silvio, io non ci sto!

Caro Silvio io non ci sto. Va bene non voler consegnare il Paese alla sinistra, va bene che hai deciso di fare un passo indietro, va bene che il Pdl così com’è non funziona, va bene tutto ma a questo tutto c’è un limite. Vuoi svenderci come merce di scambio a Casini, ai banchieri, ai bocconiani e peggio ancora leggo dai giornali a Gianfry? Caro Silvio questo è troppo, noi siamo diversi, siamo persone che non hanno sete di potere a ogni costo, che preferiscono rimboccarsi le maniche e costruire un’alternativa alla sinistra senza doversi umiliare a questo punto. Siamo stanchi di questa storiella dei moderati, chi sono? Cosa vogliono? Non ci interessa tutto questo, nel 2008 abbiamo sciolto il nostro partito Alleanza Nazionale, ti abbiamo seguito adesso basta, non siamo cretini, noi con Casini non ci vogliamo stare e tantomeno con GianBadoglio. Non azzecchi più una mossa, sembri l’ombra di te stesso, che fine ha fatto il vero Berlusconi? Il torero che non ha paura di niente e di nessuno? Non ci svendiamo al miglior offerente per due poltrone, questo era il sogno del 1994? Non credo e allora tira fuori gli attributi, manda a quel paese questo vecchiume democristiano, convoca una grande assemblea del popolo della libertà e indici le primarie, del centrodestra, scriviamo un programma serio a tutela delle famiglie e delle imprese chi ci vuole stare ci sta chi no pazienza e se perdiamo avremo perso con onore si con onore. Giorgio Gaias – Dirigente Provinciale Giovane Italia Nuoro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog