Cerca

Il preservativo e la pillola non abbassano gli aborti

Signor Direttore, in questi giorni si è svolto a Roma il congresso mondiale di ginecologia e ostetricia con la partecipazione di migliaia di medici specialisti. Uno dei temi con risvolti umani ed etici è quello della diffusione dei contraccettivi per la limitazione delle nascite. Con uno studio su dati messi insieme che esplorano l’abortività in America (la nazione che più al mondo studia questi eventi) si è scoperto che la percentuale d’impiego della contraccezione reversibile ad elevata efficacia, come la pillola, i cerotti, l’anello vaginale, la spirale e gli impianti sottocutanei di ormoni a lunga durata, non riduce il tasso di abortività. Se poi si verifica il numero degli aborti con la diffusione del preservativo si rileva che dove il preservativo è più diffuso là si osservano più gravidanze non programmate e interruzioni volontarie di gravidanza. In definitiva per una procreazione responsabile occorre diffondere una cultura etica e più rispettosa della sessualità umana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog