Cerca

provate a leggere questa lettera

Non pensavo fosse vero, non credevo lo Stato arrivasse a tanto ma tutto ormai è così evidente che stigmatizzarlo o bypassarlo sembra troppo anche per le menti più vergini. La mia tesi è questa, noi pensiamo che la casta sia la politica ma signori, non è così, la casta è formata sì dai politica ma da tutti i dipendenti pubblici di prestigio, sia da gente che prende 700 o 800 mila euro l’anno senza alcun tipo di responsabilità vera, i giudici e magistrati che per fama, per soldi o santificazioni servono solo a salvaguardare il sistema, e chi è il sistema? Il governo Napolitano-Monti. Fateci caso, con Berlusconi ogni giorno si litigava tra premier, csm e colle, con la lega la scelta di governatori regionali forti come Zaia, Cota o Formigoni aveva spostato l’interesse politico dal piano romano e quello regionale come dovrebbe essere naturale e prevede la costituzione. Ecco cosa vediamo, Silvio vuole ricandidarsi? Subito una bella inchiestina, la lega è all’opposizione? Ecco l’inchiestina il corriere e napolitano vogliono indebolire le regioni e Formigoni? Inchiestina, Napolitano salva il culo a Mancino e lo beccano? Non si può toccare… Cari rappresentanti dello stato, io ho schifo. Non sarebbe più facile e meno dispendioso dire che il bene nazionale, cui solo Napolitano è l’esegeta comanda il paese e tutti gli altri debbano dipendere da ciò? Io non voto Formigoni, non voto Berlusconi non voto Ingroia ma mi piacerebbe molto votare il presidente della Repubblica che ha troppo potere per essere eletto da mille persone, voglio che il presidente non abbia preso i miliardi dalla russia stalinista, voglio che non sia un ottantenne affetto da degenerazioni senili. Voglio uno che dica cari italiani, per colpa di tutti questi personaggi dubbi stiamo andando a rotoli, liberiamo i tossici dalle galere e rinchiudiamo questi. Un’ultima cosa, il porcellum non andava bene perché non aveva le preferenze ora che si sono accorti che con queste d’Alema e Cicchitto andrebbero a Bordighera a riposare tac l’inchiestina delle preferenze comprate, ah, con 4000 preferenze in Lombardia non si è eletti… Conte F. M. d’E.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog