Cerca

l'imparzialità della Corte Costituzionale

I Giudici della Corte Costituzionale hanno bocciato il contributo di solidarietà per i redditi sopra i 90mila euro perchè viene riservato un trattamento diverso ai pubblici dipendenti rispetto agli altri cittadini; questo riguardava il taglio agli stipendi dei Dirigenti Pubblici e dei Magistrati. I Giudici della Corte hanno stabilito che questi tagli sono contrari alla Costituzione perchè violano il "principio di uguaglianza. GIUSTO. Mi chiedo, perchè quando i tagli toccano i loro interessi viene violato il principio di uguaglianza ed in altri casi no? Mi spiego, io Dipendente Pubblico quando - per mia "sfiga" - mi ammalo mi trattengono il 30% della retribuzione giornaliera per i giorni di malattia, cosa che non avviene per i Dipendenti Privati ed anche per altre categorie di Dipendenti Pubblici. In questo caso i Giudici della Corte Costituzionale hanno stabilito che è legittima la trattenuta ai Dipendenti Pubblici, perchè? In questo caso non si viola l'articolo 3 della Costituzione? Non si viola il "principio di uguaglianza" dei cittadini? Cari Giudici della Corte Costituzionale la sentenza n. 223/2012 sul taglio degli "Stipendi d'Oro" è fatta su misura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog