Cerca

La Res Publica Italiana

Egregio Direttore, mi chiamo Giuseppe Graffeo. Con la presente mi rivolgo ancora a lei, al giornale che dirige, e a tutti i suoi lettori, per condividere amaramente, il modo "tipico italiano" di gestire "la cosa pubblica". Inizio la mia disamina dicendoVi che sono un cittadino italiano, che ho 40 anni che sono sposato che sono disoccupato e che ho un bambino piccolo di quasi 7 anni. Nel 2012 come altre 326 persone, sono stato idoneo all’ultima delle quattro prove di una selezione pubblica bandita nel 2003 da una P.A. (Dipartimento Amministrazione Penitenziaria) che è carente cronicamente oltre che nelle sue infrastrutture con il conseguente e periodico sovrappopolamento delle carceri, anche nel personale che deve gestire la popolazione detenuta, di ben 7000 unità!! Fatte queste premesse vi dico che: 1) dopo due manifestazioni di piazza (fatte a Roma in Largo Luigi Daga presso la sede del DAP il 1/10/2012 e l’8/10/2012) documentate da un servizio del Tg3 nazionale; 2) dopo l’incontro con il Dott. Tamburini (Capo del D.A.P.-Ministero Giustizia), che si era dimostrato disponibile alle nostre richieste; 3) dopo tre interrogazioni parlamentari su questo concorso del 2003 rivolte al Ministro della Giustizia (Dottoressa Severino) presentati dai senatori Pedica e Belisario e dal deputato Barbato; 4) dopo la denuncia ai difensori civici di tutte le regioni d’Italia per mettere in evidenza che questa amministrazione pubblica ha iniziato, sottolineo nel 2003, questa concorso e speso 3,6 milioni di euro di soldi pubblici senza ancora oggi (2012) averla ultimata; 5) dopo la denuncia all’Ispettorato per la Funzione Pubblica per gli stessi motivi di cui sopra; 6) dopo la richiesta di colloquio, sempre per gli stessi motivi, fatta al Ministro della Giustizia (Dottoressa Severino) ma anche alla Dottoressa Matone (Vice capo DAP e capo Gabinetto Ministero Giustizia) e al Dottor Turrini (Direttore personale DAP che non vuole neanche riceverci); 7) dopo la pubblicazione di tutte queste disfunzioni sopra scritte da parte di: - Libero quotidiano.it - Il Contesto Quotidiano - Alleanza Democratica - Agenpress.it - Prisma News - Il Fatto Quotidiano - La Sicilia - TgCom24 - Corriere della Sera - L’indignato Speciale 8) dopo la stessa denuncia presentata al Presidente della Repubblica a tutti i Ministri della Repubblica a tutti i partiti politici e a tutte le sigle sindacali 9) dopo che questo concorso pubblico esterno (aperto quindi a candidati non appartenenti alla pubblica amministrazione quindi gente potenzialmente disoccupata) dura da quasi 10 anni (DIECI ANNI) e vi sono già 327 persone giudicate idonee e 3,6 milioni di euro di soldi pubblici, inspiegabilmente ancora oggi, non si è giunti al dovuto epilogo cioè l’assunzione dei vincitori e l’inizio del corso di formazione con conseguente immissione nel ruolo professionale bandito dal concorso stesso nel 2003! Ad oggi anzi si è solo riscontrato un muro di gomma: 1) da parte di tutte le istituzioni sopraelencate (di controllo e direttamente interessate), con l’aggravante che quella direttamente interessata (DAP- MINISTERO GIUSTIZIA) ha finora dimostrato di operare in modo da rallentare il più possibile tutta la procedura!! 2) da parte di tutti i media italiani (a parte quelli elencati) che non ci hanno degnato neanche di una risposta!!! Di contro, ad accentuare il senso dell’ingiustizia che stiamo vivendo, fiumi di soldi pubblici continuano a essere sprecati, e porto qui un altro esempio che sto vivendo direttamente: Mio figlio (6anni e mezzo) frequenta la seconda "elementare" di una scuola statale della mia città (Marsala – TP), e anche quest’anno dopo un solo mese di scuola iniziano le richieste tipo carta igienica, sapone per le mani risme di carta A4 etc. etc. La scuola ci dice infatti che non ha più i soldi e per tale motivo le famiglie degli alunni devono contribuire!! Contemporaneamente lo stesso ministero, proprio in questo mese bandisce un concorso "straordinario" per 11.542 insegnanti!! Così da una parte questo Ministero non riesce a far fronte alle spese di ordinaria amministrazione e s’improvvisa "esattore" chiedendo soldi ai genitori, dall’altra, in un bilancio in cui il 90% dei fondi è usato per pagare gli "stipendi" per la scuola (cito le parole dell’ex ministro Gelmini), si assumono ben 11.542 nuove persone!!!!! Riepilogando, abbiamo da una parte il Ministero della Giustizia – D.A.P. con carenza di personale di ben 7000 unità, che non ultima un concorso iniziato nel 2003 e non assume 327 candidati idonei, dall’altro il Ministero dell’Istruzione che non riesce a fronteggiare le spese di ordinaria amministrazione, in cui il 90% del bilancio finisce in stipendi (fonte Ministro Gelmini), che bandisce un nuovo concorso straordinario nel 2012 per 11.542 nuove assunzioni, dall’altra ancora come detto dal deputato Barbato in parlamento l’8 di ottobre 2012 si continuano a trovare di soldi pubblici: 1) per non far pagare l’IMU ai ricchi e i potenti come il vaticano che vanta un patrimonio immobiliare immenso all’interno del territorio italiano 2) per darli ai tesorieri dei partiti e per i partiti e per il loro arricchimento privato come l’ultimo "caso Fiorito" 3) per pagare i privilegi principeschi della politica nazionale, regionale (di cui la regione sicilia è scandalosamente al primo posto) provinciale e locale 4) per pagare gli stipendi scandalosamente alti (perché pagati con i soldi delle tasse) dei manager pubblici (vedi il capo della polizia o il capo del dap con circa 600.000 euro l’anno!!!!) 1) per pagare il sistema previdenziale "marziano" dei nostri politici in fatto di privilegi, rispetto a quello "terrestre" applicato ai comuni mortali Alla luce di tutto quello che ho scritto, per via dell’attuale architettura costituzionale che rende non responsabili i rappresentanti rispetto al loro elettorato e della scandalosa legge elettorale che non ci fa votare nominativamente i rappresentanti, penso sinceramente che non vi sia molta differenza a parte la libertà di scrivere questa mia, so già, inutile lettera di protesta, fra il monarca ante costituzione repubblicana e l’attuale miriade di monarchi nazionali, regionali, provinciali, locali e burocrati, che amministrano questo stato! Cordiali Saluti Giuseppe G. - Marsala

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog