Cerca

E truffano ancora!

Ecco cosa combinano i vari nominati al Parlamento del PDL di Caserta ( Cosentino, GiuliaLa nullità del Congresso Provinciale del PDL di Caserta del 6 Ottobre 2012. A parte le varie considerazione sui contenuti e sulle scelte operate dai vari nominati per la celebrazione del Congresso Provinciale del PDL di Caserta, risalta immediatamente agli occhi la falsità dei dati comunicati e, di conseguenza, la nullità di tutta la procedura. La celebrazione del Congresso Provinciale è fissata per il giorno 6 Ottobre 2012 sul sito nazionale del Partito, ove è, altresì, previsto che le votazioni per l’elezione dei componenti si tengano dalle ore 13,00 alle ore 23,00 dello stesso giorno. Per la validità delle votazioni necessita superare la soglia del 35% degli iscritti che ammontano a circa 16.000-. In sostanza le votazioni devono tenersi nell’arco di 10 ore (dalle 13,00 alle 23,00). Dai risultati proclamati al termine dello spoglio e comunicati anche alla stampa risultano aver partecipato alle votazioni n. 6.200 iscritti, per cui nell’arco di 10 ore avrebbero dovuto votare n. 620 persone all’ora e quindi circa n.10 persone al minuto. Praticamente in un minuto si sarebbero dovuto accertare l’identità del votante, la sua iscrizione negli elenchi degli iscritti, consegnargli la scheda con matita o penna, consentirgli di esprimere in modo riservato il voto ed infine inserire la scheda votata nell’urna. Se vi fossero stati insediati n. 10 seggi, cosa non organizzata ( è stato sotto gli occhi di tutti) ogni elettore avrebbe avuto un minuto di tempo per esprimere il voto in un seggio, e sempre opinando che effettivamente l’affluenza dei votanti sia stata per ogni ora di n. 620 votanti, cosa non veritiera considerando gli orari morti 13-15 (ora di pranzo) e 20-21 (ora di cena). Da ciò si evince che risulta materialmente impossibile far votare 6200 persone in dieci ore ( anche se fossero stati approntati n.10 seggi, cosa non avvenuta e da tutti riscontrato), per cui le votazioni sono state falsate dall’immissione nelle urne di grossi quantitativi di schede già precedentemente votate. In base alle predette valutazioni il Congresso Provinciale del PDL di Caserta, anche con i tanti clamori di successo, è da ritenersi falsificato nei dati e, pertanto, nullo. Ancora una volta i nominati, con la dovuta eccezione dell’on. Polverino, tentano di conservare le sedie e le poltrone occupate abusivamente, senza mai aver ottenuto un consenso elettorale che giustificasse la loro collocazione. Qualsiasi decisione adotteranno, pertanto, non è credibile e non è vincolante per gli elettori ed iscritti che non ritengono di essere rappresentati da persone che hanno fondato la loro collocazione su false votazioni. Caserta, 10/10/2012 Biagio Savinelli in nome e per conto di altri iscritti al PDL no, Landolfi, Coronella, Petrenga ecc.):

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog