Cerca

CON TUTTI I PROBLEMI CHE HANNO TROVANO ANCHE IL TEMPO DI POLEMIZZARE

Buon giorno, scrivo il Sig. Andrea de Martino (Prefetto di Napoli), in quanto non lo ritengo degno di altri titoli dopo la vergognosa, “depistante”, disquisizione nei confronti di Don Maurizio Patriciello. Molti giornali scrivono dell’umiliazione subita da Don Patriciello, ebbene a mio parere è un errore poiché l’umiliazione si divide in parti uguali tra l’istituzione della Prefettura di Napoli che purtroppo è rappresentata dal sig. de Martino e lo stesso de Martino che ha fatto una figura meschina davanti a tantissimi cittadini ormai indignati e stanchi di questi dinosauri burocrati. Oltre a tutto ciò sorge anche il sospetto che l’inaspettata esternazione contro Don Patriciello sia stata motivata dal tentativo di spostare l’attenzione dei temi “scottanti” inerenti gli abusi sulle discariche, i roghi, e l’inquinamento ambientale ad opera della criminalità organizzata. E poi…. con tutti i problemi reali che esistono nel territorio campano e che da decenni (compreso il periodo di gestione di de Martino) si aggravano generando indignazione e vergogna nei cittadini onesti campani …… il sig. De Martino non trova di meglio che diquisire su un’inesistente problema di titoli (meritati o meno) …. Beh …. Io di titoli nei confronti di de Martino ne avrei da riscrivere l’intero vocabolario della lingua italiana. Una mia considerazione sul Prefetto di Caserta che era “l’oggetto del contendere”, ebbene non ha fiatato, di fronte all’arrogante e fazioso intervento del collega napoletano non ha fiatato, anzi se non ho interpretato male le espressioni facciali ne sembrava quasi compiaciuta dell’improvvisa presa di posizione in sua difesa. Ovviamente non avendo sentito parola dal Prefetto di Caserta non posso far altro che rimanere con i miei dubbi e sospetti. Con sdegno ed ennesima delusione. Cittadino Andrea Marchetto P.S. io il titolo di cittadino penso di meritarlo pagando con le mie “non più sopportabili tasse” parte dello stipendio a de Martino ricevendo in cambio delusione, arroganza e burocrazia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog