Cerca

L'UE: un cadavere per il diritto

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DEL SENATO E’ illegittimo sottrarre al Parlamento italiano la competenza in materia di ratifica degli Accordi internazionali Illustre Presidente, il Parlamento italiano ratificò con la Legge n. 747 del 29.12.1994 il Trattato istitutivo dell'Organizzazione Mondiale del Commercio e gli Accordi ad esso allegati. La Commissione Europea provò ad opporsi alle ratifiche nazionali ma tale tentativo fallì, per elementari ragioni giuridiche legate alla personalità giuridica degli Stati. Quella ratifica consentì all'Italia di divenire Membro a pieno titolo dell'Organizzazione Mondiale del Commercio. Il 6.12.2005 e' stato adottato il primo,finora unico, emendamento agli Accordi dell'Organizzazione Mondiale del Commercio. Si tratta di un emendamento in materia di farmaci salva-vita (cd. "TRIPs amendment") volto a salvare migliaia di vite umane. L'emendamento adottato a Ginevra il 6 dicembre 2005 non è mai stato portato all'attenzione del Parlamento italiano ai fini della ratifica, come ben evidenziato sul sito web dell’Organizzazione Mondiale del Commercio: http://www.wto.org/english/tratop_e/trips_e/amendment_e.htm Mi sembra evidente che la suddetta condotta configuri una violazione della democrazia e delle prerogative del Parlamento. In qualità di cittadino, La invito ad assicurare che il suddetto emendamento sia sottoposto, come giuridicamente necessario, al vaglio del Parlamento. Il fatto che è giuridicamente necessario che le decisioni assunte in sede di Organizzazione Mondiale del Commercio siano sottoposte al Parlamento ha amplissime implicazioni, perché rende palese che nell'ambito delle Organizzazioni internazionali e del diritto internazionale l'Italia ha tutte le prerogative degli altri Stati. In sede di diritto internazionale e di Organizzazioni Internazionali, infatti, i cd. trattati della cd. Unione Europea non hanno alcuna rilevanza giuridica e quindi gli organi della cd. Unione Europea non hanno alcuna capacità giuridica di rappresentare il popolo italiano. Dario Ciccarelli, cittadino italiano (www.dariociccarelli.org)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog